Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lazio-Genoa: le nostre pagelle

Il Genoa espugna ancora l’Olimpico, partita di attenzione e cinismo. Facile dirlo ora, ma si vede la mano di Gasperini.

Perin 7,5 – la prima volta che dice no a Klose lo fa in maniera pazzesca. Poi per quanto i laziali non comincino mai il tiro al bersaglio, lui si diverte a opporsti. Portentoso.

Antonini 6 – trova tempi e misure che sembravano perdute. Ineccepibile.

Portanova 6,5 – quando riappare sul campo capisci perché se ne sente così la mancanza. Sportella con Klose che non è l’ultimo degli attaccanti. Gagliardo.

Manfredini 6,5 – se ai suoi fianchi Portanova usa la clava, lui azzarda il fioretto. Elegante.

Biondini 6,5 – continua a sbagliare tempi dell’intervento in zone pericolose del campo, stavolta rischia il rigore su Candreva. Poi ha il merito di far parte dell’orchestra che sblocca il match. Fruttuoso.
Cofie 6,5 – in mezzo a gente che va al rallenti sembra una furia, non lascia mai ragionare Ledesma che si infuria. Possente.
Matuzalem 5,5 – ogni giocata è accolta dai fischi dei suoi ex tifosi, non mette dentro qualità e si becca pure un’ammonizione. Irretito.
Marchese 5 – anche nelle precedenti partite non aveva impressionato per ritmo, qui la partita lo aiuta, Gasperini no. Soporifero. Dal 1’ st. Fetfatzidis 7 – entra e cambia il match, i laziali non ci capiscono niente e lui si diverte a farli ammattire. Furetto.
Kucka 6,6– quella tendenza a dover far sempre un tocco più del necessario per controllare il pallone quest’anno non gliela leva nessuno, però al merito di sbloccare il match. Puntuale. Dal 24’ st De Maio – entra a difendere l’1 a 0, si trova a vedere i suoi festeggiare. Massiccio.
Antonelli 6 – non trova le coordinate del match, ma partecipa eccome all’impresa. Sperso.
Gilardino 7 – nonostante sia lì a combattere contro tutti fa la figura del gigante e non del lillipuziano. Mette dentro la sua 160esima perla in serie a. Formidabile.