Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Genoa di Gasperini tra le big, solo Juventus e Roma hanno fatto meglio

Genova. Sul fatto che potesse rianimare una squadra dall’elettrocardiogramma piatto non c’erano dubbi ma qui si va ampiamente oltre anche alle più rosee previsioni. Gian Piero Gasperini ha letteralmente trasformato il Genoa.

L’esonero di Fabio Liverani, il grande ritorno del tecnico di Grugliasco e il gioco è fatto, il Genoa raggiunge le zone nobili della classifica: sono bastate sei giornate di campionato. Il pareggio con il Catania, quindi il successo con il Chievo e il ko in casa della Juventus prima dei nuovi trionfi contro Parma, Lazio e Verona. I numeri parlano chiaro, con Gasperson in panchina il Grifone ha messo in cascina qualcosa come 13 punti.

Un bottino da big, basta fare qualche confronto per capire quanto grande sia l’impresa di questo nuovo Genoa. Se il campionato fosse cominciato alla settima giornata, quella in cui è entrato in ballo Gasperini, i rossoblù sarebbero terzi in classifica.

Meglio sono riuscite a fare solo Juventus e Roma. I bianconeri ne hanno accumulati 15, frutto di 5 successi e una sconfitta. Un punto in meno la Roma con quattro vittorie e due pareggi. A parimerito con il Genoa ecco la Fiorentina (quattro successi, un pareggio e una sconfitta), squadra costruita per vincere. Come il Napoli (fermo a quota 12) che insieme alle altre guarderebbe i rossoblù dal basso verso l’alto. L’Inter con i suoi 11 punti, la Lazio con 6, il Milan con 5 e così via. Vero, non sono queste le avversarie dei genovesi ma fare meglio delle big regala convinzione e ferocia agonistica.

Numeri che dicono tutto e nulla. Numeri che senza dubbio certificano le potenzialità di una squadra che con Gasperini ha ingranato la quinta. La salvezza resta l’obiettivo dichiarato ma l’appetito vien mangiando: “colpa” di una classifica che d’improvviso si è fatta maestosa.