Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, ladri scatenati svaligiano appartamenti: ricchi bottini e un colpo da oltre 50 mila euro

Più informazioni su

Genova. Sei i sopralluoghi di furto svolti ieri sera dalla Polizia di Stato. I primi due in altrettante abitazioni di via e scalinata D. Chiodo dove i ladri, approfittando dell’assenza dei rispettivi proprietari, hanno forzato le finestre e, una volta all’interno, hanno rovistato nelle varie stanze. Nel primo caso i malviventi hanno riempito un borsone con l’argenteria, abbandonandolo poi in un vano perché evidentemente disturbati da qualcosa. Nel secondo caso hanno rubato monili e preziosi per un valore di circa 50 mila euro. Bottino molto cospicui, quindi, che vanno pensare a ladri ben organizzati, che avevano preso di mira determinate abitazioni.

La volante del Commissariato San Fruttuoso è intervenuta invece in due appartamenti dello stesso stabile di corso Monte Grappa dove i ladri, entrati dalle porta finestre, hanno rovistato in diverse stanze, asportando da un’abitazione oggetti in oro per un valore di circa 2.500 euro.

Quarto intervento in un’abitazione di via Roncallo dove i ladri, approfittando dell’assenza dei proprietari, si sono arrampicati attraverso il tubo del gas, raggiungendo la porta finestra al secondo piano dello stabile, che presentava segni di forzatura. Una volta all’interno hanno messo a soqquadro l’appartamento, impossessandosi di una parure e di una fotocamera digitale, per un valore complessivo di circa 700 euro.

Una volante dell’U.P.G. è a sua volta intervenuta in un’abitazione di via Roncallo. Anche in questo caso i ladri hanno sfruttato il tubo del gas in facciata per raggiungere un terrazzo al quarto piano e forzare una porta finestra. Rubati diversi preziosi per un valore di circa 8.000 euro.

Ultimo intervento presso un’abitazione di corso Torino dove i ladri, durante l’assenza dei proprietari, hanno forzato una finestra al primo piano e rovistato in tutta la casa, appropriandosi di gioielli per un valore di circa 3.000 euro.
In tutti i casi la Polizia Scientifica ha svolto i rilievi di competenza.