Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fondazione Carige, consiglieri: “No a invasioni di campo della politica”

Genova. I consiglieri di indirizzo di Fondazione Carige che hanno sfiduciato l’ex presidente Flavio Repetto sono al lavoro per trovare un nuovo presidente e i nuovi consiglieri di amministrazione. Sono già state individuate e contattate tre persone che risponderebbero ai requisiti richiesti, primo fra tutti un “alto profilo professionale”.

Sarebbero tre genovesi che lavorano però fuori città e che si sono riservati di dare una risposta entro breve. I consiglieri respingono intanto le critiche ricevute negli ultimi giorni: “non accettiamo invasioni di campo da parte della politica – ha affermato uno di loro – perché questa partita riguarda solo la Fondazione come prevede la legge Ciampi”. Non ci sono stati contatti finora ne’ con la Regione né con il Comune di Genova, che “d’altronde non hanno competenza diretta nelle nomine” viene evidenziato.

La nomina del nuovo presidente e del nuovo Cda rischia però di slittare rispetto alla data del 19 novembre, indicata dai consiglieri di indirizzo al termine della riunione del 30 ottobre in cui e’ stato sfiduciato l’ex presidente Flavio Repetto.

“Non c’è una data fissata per la nomina dei nuovi vertici – ha affermato oggi il vicepresidente Pierluigi Vinai, che guida pro tempore la Fondazione -. Del 19 si è solo parlato in via informale al termine del consiglio ma non è ufficiale. La convocazione verrà fatta dal generale Mesturini che guida l’assemblea in qualità di membro più anziano, dopo avere sentito il reggente”.

Vinai ha anche evidenziato che in questi giorni “abbiamo instaurato nuovamente un forte rapporto con l’Acri e in particolare con il presidente Giuseppe Guzzetti, “disponibile” a sostenere l’ente in questo periodo di transizione”.