Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fiorentina-Sampdoria: le nostre pagelle

La Sampdoria cade al Franchi, la Fiorentina vince 2-1. La doppietta di Pepito Rossi rende vana la rete di Gabbiadini. Blucerchiati in partita solo negli ultimi 15′, tardivo l’inserimenti di Wszolek.

Da Costa 5,5: Rossi lo osserva a lungo, comincia la rincorsa e quando calcia il pallone posizionato sul dischetto spiazza il brasiliano. Il fenomeno viola lo beffa con un tiro a giro anche una manciata di minuti più tardi. Impallinato.

De Silvestri 6: la Samp è schiacciata all’indietro e l’ex dell’incontro non può concedersi grandi galoppate sulla fascia. Segue Pasqual e Joaquin con grande dedizione; non si arrende mai ma contro questa Fiorentina c’è poco da fare. Inchiodato.

Mustafi 6: al 32’ riesce a mettere il piede sull’ennesima conclusione di Rossi negandogli la gioia della tripletta; di questi tempi son piccole soddisfazioni. È il migliore della difesa come ormai di consueto. Frustrato.

Palombo 5,5: Rossi è un fenomeno ma lasciarlo libero di tirare dal limite dell’area è un errore che un veterano non può permettersi. Angelo va ad accorciare sull’attaccante quando ormai è troppo tardi. Ingenuo.

Regini 6: sul calare della prima frazione viene spinto dall’orgoglio fino all’area di rigore avversaria ma sbaglia il passaggio decisivo e l’azione sfuma. Dietro è lotta a tutto campo con Rossi e compagni, una serata da barricate. Chiude terzino e spingendo. Jolly.

Berardi 5: viene rispolverato nella gara decisiva per il futuro di Delio Rossi e dopo 9’ abbraccia Aquilani in area regalando il rigore ai viola. Nell’occasione rimedia il giallo e gli accidenti di chi tifa Doria. Poi è lì a limitare Cuadrado, o almeno a provarci. Esonerante. Dal 15’st Gavazzi 6: più del suo ingresso è il gol di Gabbiadini a rianimare la Samp. L’ex Vicenza ci mette tutto quello che ha. Spirito.

Obiang 5: lo accusano di non tirare mai ma contro la Fiorentina lo fa dopo meno di un minuto, fuori di poco. Succede anche al secondo tentativo. Nella sua partita c’è poco altro e il Doria affonda. Impacciato.

Gentsoglou 5: è il più lucido della mediana ed è tutto dire. Perché il greco fa fatica a impostare azioni e fraseggi che non siano di facile lettura per gli avversari. Ma almeno ci prova, difensivamente combatte. Volenteroso. Dal 7’st Wszolek 6,5: dopo il gol di Gabbiadini si inventa un cross che chiede solo di essere spinto in porta ma nessuno ne approfitta. Cerca poi di far tutto da solo ma la sorte non lo premia, questione di centimetri. Carico.

Krsticic 5: della giovane promessa che aveva incantato il popolo doriano non c’è traccia. La Fiorentina non è avversario che ti permette di mettere in mostra le migliori qualità ma così non si va da nessuna parte. Involuto.

Gabbiadini 6: non è al top della condizione e si vede. Delio Rossi si affida a lui per salvarsi la pelle e strappare punti a Firenze: l’ex Bologna supera Neto a metà della ripresa ma il suo gol è un lampo nel buio. Spompato. Dal 39’st Pozzi sv: gettone di presenza. Minuti.

Eder 5,5: i lanci lunghi che arrivano dai compagni della difesa non sono quelli che predilige. Arretra sulla linea dei centrocampisti per recuperare palla e guidare l’assalto alla porta viola. Solo nella ripresa riesce a trovare lo spazio per lanciare a rete Gabbiadini. Generoso.