Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Da Ponente a Levante, per turisti e residenti: verso il wi-fi libero e gratuito in tutta la Liguria

Liguria. Il primo passo vedrà la creazione di hotspot nella rete ospedaliera. In seguito la rete, intesa come internet, si estenderà in tutti i luoghi pubblici della Liguria per fornire un servizio a 360 gradi per chi, turista o residente, vorrà approfittarne. Il piano, approvato questa mattina dalla Giunta regionale, dovrebbe completarsi entro il 2014.

“Si tratta – ha spiegato l’assessore al Turismo Angelo Berlangieri – di un progetto molto importante che andrà ad incidere sul quel grande tema che è la competitività nel mondo del turismo perché spesso i viaggiatori stranieri che utilizzano la rete per informarsi o per avere accoglienza in Liguria hanno difficoltà di accesso, così come spesso succede a noi quando andiamo all’estero”.

“Noi – continua Berlangieri – garantiremo nelle aree pubbliche di tutta la Regione la possibilità di accedere con un’unica password. Costruiremo la rete utilizzando anche le reti wi-fi dei comuni, federandole tra loro e la espanderemo installando hotspot dove ancora non ci sono. Per questo stiamo lavorando con le stazioni ferroviarie, marittime, gli aeroporti, le stazioni di servizio sulle autostrade, per fare in modo che tutte le aree di accesso alla Liguria siano coperte”.

La Regione Liguria, fra le prime in Italia a varare un progetto wi-fi per tutto il territorio, attraverso la partecipata Datasiel Spa, interverrà anche con contributi tecnologici per ampliare le aree Wi Fi in zone di interesse turistico e socio-economico del territorio e grazie anche alla Convenzione quadro con l’Ispettorato Territoriale Liguria – Ministero dello Sviluppo Economico collaborerà con i territori per la corretta applicazione delle numerose norme (l’ultima nel “Decreto del fare”) che regolamentano la materia. Il progetto di una rete WiFi su tutto il territorio regionale- costo 470 mila euro- è contenuto nel Piano triennale del Turismo.

Una novità che però non interesserà solo i turisti. “Il libero accesso consentirà ai Comuni – conclude Berlangieri – di offrire servizi online ai propri residenti e l’installazione negli ospedali ne è solo la prima conseguenza”.