Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Crollo ponte Carasco, completate le demolizioni: via al bando per la ricostruzione

Carasco. Completate le demolizioni, partono le procedure di gara della Provincia di Genova per realizzare il nuovo ponte metallico a Carasco sulla provinciale 225, che sostituirà quello crollato nella devastante piena dello Sturla nella notte fra il 21 e il 22 ottobre scorsi.

Sulla base del progetto esecutivo in corso di elaborazione da parte dei tecnici provinciali e che riguarda la struttura del nuovo ponte, a una sola campata e lungo 55 metri, i lavori saranno affidati con la “procedura negoziata” prevista dal codice dei contratti pubblici per lavori, servizi e forniture nei casi di urgenza “per accelerare – dice il commissario Piero Fossati – i tempi di realizzazione
dell’intervento ed eliminare prima possibile i pesanti disagi di collegamento attuali per la comunità e le aziende della Fontanabuona”.

Per dare trasparenza e rispettare il principio di concorrenza la scelta degli operatori economici passa attraverso un avviso pubblico di manifestazione d’interesse, elaborato d’intesa fra la Direzione lavori pubblici e la Stazione unica appaltante della Provincia. Con la procedura negoziata “sarà possibile – spiegano i tecnici della Provincia – consultare un numero di imprese selezionato sulla base di caratteristiche, qualifiche e attestazioni che ne garantiscano l’adeguatezza nella realizzazione delle strutture previste, affidando poi i lavori a quella che negozierà le condizioni più vantaggiose con l’ente appaltante”.

Le imprese che intendano partecipare dovranno inviare la manifestazione d’interesse entro le 12 del prossimo 9 dicembre in apposita busta, con la denominazione del mittente e la dicitura “ID 3807 – Dichiarazione di manifestazione interesse per realizzazione ponte recapitata per posta, consegnata a mano o da un corriere, all’indirizzo: Provincia di Genova – Ufficio Protocollo, Piazzale G. Mazzini 2, 16122 Genova. Le imprese devono essere in possesso di specifici requisiti ed eseguire i lavori entro un massimo di tre mesi.

L’importo disponibile per la realizzazione di 1.127.000 euro, oneri fiscali inclusi. Le imprese invitate alla fase di negoziazione saranno al massimo cinque, individuate sulla base del valore delle costruzioni di ponti a campata unica realizzate negli ultimi cinque anni. I concorrenti invitati si impegnano ad assumersi tutti gli oneri di progettazione e realizzazione dell’offerta formulata, anche rispetto alle opere di fondazione già eseguite dalla Provincia.

L’avviso pubblicato sui siti web della Provincia www.provincia.genova.it, dell’osservatorio regionale dei contratti pubblici www.appaltiliguria.it e sulla gazzetta ufficiale dell’Unione Europea. Contestualmente per il nuovo ponte la Provincia sta procedendo anche ad affidare la costruzione delle fondazioni in cemento armato.