Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ventimila vittime: il Mediterraneo come un buco nero. Dopo Lampedusa mobilitazione contro le stragi di immigrati

Genova. I sindacati dicono basta alle stragi nel Mediterraneo e anche a Genova, l’11 ottobre, si svolgerà sotto la sede della Prefettura, a partire dalle ore 15,30, la giornata di mobilitazione nazionale indetta da Cgil, Cisl, Uil per sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica verso un fenomeno, come quello delle stragi di immigrati nel Mediterraneo, che negli ultimi 25 anni ha tracciato una striscia indelebile di sangue, morte e responsabilità nelle nostre coscienze.

Venerdì 11, alle ore 16,00 una delegazione sindacale di Cgil, Cisl, Uil Genova e Liguria incontrerà il Signor Prefetto o un suo rappresentante per discutere delle proposte che le OO.SS avanzano in materia.

“La tragedia di Lampedusa si aggiunge a decine di altre che si sono consumate negli ultimi anni e che sono costate la vita ad oltre ventimila persone: esseri umani che hanno lasciato il loro Paese fuggendo da guerre e persecuzioni o alla ricerca di una vita migliore – si legge in una nota sindacale – Nel giorno del dolore, dell’indignazione e della vergogna per l’ennesima tragedia di morte, per fermare i viaggi dell’orrore e per fare in modo che l’esortazione gridata da tutti non sia vana, Cgil, Cisl, Uil nel segno di cordoglio e solidarietà, indicono una mobilitazione in tutta Italia per una diversa politica in materia di immigrazione ed asil”o.

Cgil, Cisl, Uil di Genova e Liguria non resteranno in silenzio di fronte al ripetersi di queste tragedie. “Il mondo del lavoro si mobilita perché all’indignazione ed al dolore possa seguire la ricerca di soluzioni concrete”.