Quantcast

Savona, Campagna sugli spalti: “Pro Recco candidato principale, poi quasi tutte sullo stesso livello”

Savona. Ieri, sugli spalti della piscina di corso Colombo, per vedere all’opera Carisa Savona e Como, c’era anche Alessandro Campagna, commissario tecnico della nazionale maschile.
Tra i ventisei giocatori all’opera, tanti giovani di belle speranze, possibili candidati alla rappresentativa azzurra o già nel giro di essa. Jacopo Alesiani, Giovanni Bianco e Luca Damonte, per esempio, hanno già “incassato” più di una convocazione in azzurro.

Campagna chiarisce il suo ruolo: “Noi dobbiamo essere sempre attenti e in continua evoluzione. Dobbiamo programmare con questa Federazione, in collaborazione con le società, il futuro del nostro movimento, non soltanto guardando al presente, che è importante, ma anche prevedere cosa può succedere. Bisogna essere sempre sul campo, vedere quali nuovi giocatori ci sono. E’ un continuo lavoro, il bello è anche questo.

Riguardo al campionato di Serie A1, la superiorità della Pro Recco pare evidente. Un torneo dall’esito quasi scontato? “Per la lotta al vertice sì, è da sei o sette anni che c’è un candidato principale – rimarca il c.t. -, anche se secondo me il Brescia è un’ottima squadra con giocatori di qualità. Poi c’è un gruppo di squadre, dalla terza alla decima, probabilmente, ben attrezzate, che tra di loro potranno giocarsela”.

La Carisa Savona è fucina di talenti e la nazionale, in futuro, potrà “pescare” ancora in casa biancorossa. Campagna, però, è diplomatico e non esprime preferenze riguardo a chi ha osservato in vasca ieri. “E’ sempre antipatico fare dei nomi, perché si rischia sempre di dimenticare qualcun altro. Poi, proprio perché sono giovani, possono esserci delle buone prospettive per certe annate, poi magari si possono aprire altri ruoli, quindi si devono avere sotto controllo il maggior numero di giovani – conclude -, non soltanto a Savona ma in Italia.
Redazione