Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria-Torino: le nostre pagelle

La Sampdoria riesce finalmente a segnare al Ferraris ma contro il Torino guadagna solo un punto. Finisce 2-2 con le reti blucerchiate di Sansone ed Eder. Una follia il gol annullato a Pozzi nei minuti di recupero del primo tempo: il numero 9 si fionda sulla respinta corta di Padelli e insacca ma per l’arbitro Gervasoni la prima frazione finisce sul tocco del portiere granata. Da non crederci, sul 2-0 le cose sarebbero potute andare in tutt’altro modo.

Da Costa 6: un primo tempo a guardare i compagni che lottano per strappare un successo, giusto un paio di parate agevoli. Nella ripresa non può nulla sul gol di Immobile; è invece fenomenale nel negare il raddoppio granta a Cerci ma quanto l’esterno della Nazionale si ripresenta, questa volta dagli 11 metri, non riesce a ripetersi. Pronto.

Mustafi 7: al 17’ della ripresa si fa tutta la fascia seminando avversari come fossero gli omini del Subbuteo, arrivato davanti a Padelli tira ma la difesa granta allontana il e pericolo. Ha gamba e fiato, ha la capacità di non far sembrare un’impresa lo star dietro a Cerci. Il migliore della difesa. Furia.

Palombo 5,5: una partita senza sbavature fino alla mezz’ora della ripresa. L’intervento su D’Ambrosio nel cuore dell’area blucerchiata è una follia che rischia di costar cara alla Sampdoria. Quando Eder pareggia nel recupero è il più sollevato dei suoi. Rincuorato.

Gastaldello 6: la Sampdoria prende due gol ma il pacchetto arretrato blucerchiato non sfigura. Il capitano guida le operazioni difensive con la solita maturità tattica. Gli piange il cuore nel vedere la squadra non andare oltre il pareggio. Beffato.

De Silvestri 6: una partita intera a lottare con i vari Pasquale, El Kaddouri, Immobile e Meggiorini; si fa un mazzo tanto, difficile trovare anche la forza di spingere. Sfinito.

Gentsoglou 6: il giocatore che nessuno si aspetta di vedere in campo dal primo minuto. Rossi gli affida le chiavi del centrocampo. Il greco, che non aveva ancora giocato in questa stagione, dimostra grande personalità. I piedi non fanno sempre quello che gli ordina la testa ma nel complesso se la cava. Generoso nell’aiutare i compagni della difesa. Sorpresa.

Obiang 6: non è ancora il giocatore che ha attirato su di sé le attenzioni di mezza Serie A ma lo spagnolo è in crescita. Manca ancora qualcosa in fase di impostazione. Sfortunata la deviazione che regala a Immobile il pallone dell’1-1. Mala suerte.

Gavazzi 6,5: è uno che ragiona, fa sempre la cosa giusta. Non sarà un giocatore spettacolare ma utile si, e parecchio. Alla Samp non gira bene e nell’unica occasione in cui D’Ambrosio riesce ad avere la meglio arriva il rigore per il Torino. Incredulo. Dal 32’st Wszolek 6: una comparsata ma è con lui in campo che la Sampdoria trova il pareggio. Amuleto.

Sansone 6,5: il suo gol fa impazzire la Sud che dopo tre turni (casalinghi) all’asciutto può finalmente esultare per una rete della Sampdoria. Una rasoiata che non lascia scampo a Padelli, lo stesso portiere capace di ipnotizzarlo qualche minuto prima dell’1-0. Qualche numero, qualche errore e tanta grinta. Grazie.

Gabbiadini 6: con Glik è una bella battaglia, non male anche quella con l’arbitro che lo ammonisce quando calcia lontano il pallone a gioco fermo. Quando riesce a eludere la marcatura granata apre agli inserimenti degli esterni e alle giocate dei compagni di reparto. Lottatore.

Pozzi 6: quando gli dicono che il suo gol non è stato convalidato dall’arbitro sembra un bambino al quale è caduto il gelato per terra. Buono invece, per quanto involontario, l’assist per il gol di Sansone. Non è al 100% ma ha a cuore le sorti della squadra. Sampdoriano. Dal 28’st Eder 7: si guadagna e realizza il rigore del 2-2, diffcile avere il coraggio di chiedergli di più. Bentornato.