O Pescou Lorenson, Un Tòcco de fugassa, A Besagninn-a: più grande e coinvolgente, torna “Camöggi, ‘n presepe” - Genova 24

O Pescou Lorenson, Un Tòcco de fugassa, A Besagninn-a: più grande e coinvolgente, torna “Camöggi, ‘n presepe”

Camogli. Tutto è pronto per uno degli eventi più nuovi e caratteristici del Natale in riviera. Si è svolta presso il Palazzo Comunale la prima riunione operativa fra Amministrazione Comunale, Vice Sindaco ed Assessore Elisabetta Caviglia e Associazione Commercanti di Camogli Presidente Massimo Stasio, in vista dell’organizzazione della seconda edizione di “Camöggi, ‘n presepe” che caratterizzerà il prossimo mese di dicembre.

Lo scorso anno, furono allestite ben 32 scene, ubicate nelle vie piazze e carrugi più caratteristici del borgo, di tranquilla vita quotidiana in attesa della Natività. Un grande presepe formato da ben 62 ‘figure a dimensione umana’ (28 uomini, 28 donne, 4 bambini, più bue ed asinello (provenienti da Arquata Scrivia che li ha utilizzati in passato per raffigurare gli antichi mestieri di fine ’800) e approdati a Camogli che li riprende plasmandoli a proprio uso e somiglianza) rappresentati in momenti comuni di tutti I giorni. “L’Accoglienza” (dove se non dinanzi al Palazzo Comunale?), “O Pescou Lorenson” , “Un Tòcco de fugassa”, “ A Reccomadoa”( la ricamatrice) , “A cuiòsa”, “Pesto e Mortà”, “O Fornà”, “O Strapontè”( il Materassaio), “A Besagninn-a” ( la Fruttivendola”), “Lisabetta a fa e troffie”, “Anciòe, Scignori!”, “A poela e i pesci fritti”, “O nonno cò nevo”, “A Nativitae”,…, alcune fra le affascinanti scene allestite.

Molti i soggetti che collaborarono, associazioni locali, privati, artisti e il Liceo Artistico Luzzati di Chiavari, un grande lavoro di squadra, lo scorso anno particolarmente impegnativo trattandosi dell’edizione n° 0. Dopo quindi questa prima seduta per condividere le linee guida e procedere alle fasi operative e logisitche, l’ Amministrazione Comunale in sinergia con l’Associazione Commercianti, convocherà tutte le parti del tessuto cittadino che, ognuna per le proprie competenze, potrà svolgere ancora un ruolo fondamentale per arrivare alla realizzazione di “Camöggi, ‘n presepe” 2014.

Più bello, più grande, più evidente, più coinvolgente, con l’obietitvo di farne un vero e proprio volano per la promozione turistica della città.

Più informazioni