Imu, Uil Genova: "Confusione massima. Pronti ad azioni legali" - Genova 24
Economia

Imu, Uil Genova: “Confusione massima. Pronti ad azioni legali”

imu

Genova. “Quando si parla di tasse la parola d’ordine deve essere equità. La frenesia legata alla quadratura dei conti di bilancio della Legge di stabilità conduce ogni giorno a nuove soluzioni da applicare alla possibile reintroduzione dell’Imu sulla prima casa”.

La Uil di Genova e della Liguria, unitamente ad Adoc e Uniat (associazioni per la tutela dei consumatori e per la tutela degli inquilini e piccoli proprietari) attacca quella che definisce “l’anomalia genovese e ligure” legata all’accatastamento degli immobili.

“Infatti il 20 per cento del totale nazionale degli immobili – classificati di lusso – viene censito a Genova, con buona pace di città come Roma, Napoli, Milano che ne denunciano meno. Inoltre, la soglia di rendita catastale che verrebbe utilizzata (euro 750), sposterebbe nelle case di lusso anche altri immobili classificati A2-A3. Se questo rimanesse il criterio di applicazione Imu ne deriverebbe una plateale ingiustizia”.

Uil, Adoc e Uniat “richiamano il Parlamento e il Governo alla massima attenzione nella definizioni dei parametri degli immobili ai fini dell’Imu e Tax service. Soprattutto, invitiamo il Governo ad assumersi l’impegno formale rispetto a una rivisitazione corretta dei catasti urbani. Revisione che andrebbe portata avanti con una logica uniforme di valutazione immobiliare su base nazionale. Vigileremo affinché non si verifichino colpi di mano attraverso l’utilizzo di emendamenti presentati all’interno di leggi e decreti di altra natura. Se il principio di equità non venisse rispettato, le scriventi organizzazioni si dichiarano pronte, fin da subito, a valutare azioni legali legate agli aspetti incostituzionali della vicenda”.

Più informazioni