Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il congresso del PD si gioca su questioni genovesi: Orlando risponde a Renzi su Ansaldo Energia

Più informazioni su

Genova. La querelle attorno a Ansaldo Energia, e di conseguenza Genova, ma tutta interna al Partito Democratico, prosegue con la risposta del ministro dell’Ambiente Andrea Orlando a Matteo Renzi.

Il sindaco di Firenza in un’intervista al Corriere della Sera pubblicata ieri aveva detto: “E’ assurdo che per salvare un’azienda come Ansaldo Energia si metta mano alla Cassa Depositi e Prestiti”.

“Se vogliamo davvero che il congresso del Pd sia utile al Paese – gli risponde Orlando in una nota diffusa a Genova – evitiamo che il suo dibattito provochi danni ai lavoratori e alle imprese con un valore strategico, come Ansaldo Energia”.

Ansaldo Energia, prosegue il ministro Orlando: “ha conquistato importanti quote di mercato internazionale, sviluppato tecnologie e professionalità di eccellenza. Una privatizzazione senza garanzie sul futuro industriale della azienda avrebbe aperto la strada alla perdita di un presidio fondamentale e strategico del patrimonio industriale del Paese e creato un danno incalcolabile alla filiera delle piccole e medie imprese che hanno sviluppato con Ansaldo Energia progetti industriali di notevole rilevanza”.

Orlando auspica che “tutte le forze che si sono mobilitate per scongiurare questo scenario rappresentino a Matteo Renzi – e agli altri candidati che nell’affrontare questa competizione sono chiamati a misurarsi con il tema delle politiche industriali del Paese -, l’importanza e il valore delle eccellenze italiane che ci consentono di competere nel mondo e di far crescere i nostri territori. Mi auguro – conclude – che si esca dalla trita e un po’ ideologica contrapposizione tra un privato buono e un pubblico cattivo. La storia di questi anni ci ha offerto un quadro un po’ piu’ articolato di questo schema”.