Gioco d'azzardo, protesta dei gestori e occupazione a rischio: Tursi verso il dietrofront? - Genova 24
Cronaca

Gioco d’azzardo, protesta dei gestori e occupazione a rischio: Tursi verso il dietrofront?

gioco azzardo slot machine sala gioco

Genova. Dopo la protesta dei gestori e di Confindustria Giochi, Il Comune di Genova potrebbe rivedere il regolamento che impone lo stop alle 19.30 per le attività di gioco legale, prevedendo una deroga per sale bingo e agenzie di scommesse. Ai gestori sarebbe consentito di tenere i locali aperti oltre lo “stop” comunale a patto di disattivare le slot machine presenti nei punti gioco all’ora indicata dal sindaco.

Lo rende noto Agipronews, l’agenzia stampa giochi a pronostico e scommesse, secondo la quale sarebbe stato decisivo il dialogo avviato la scorsa settimana tra l’amministrazione comunale e i rappresentanti di Confindustria Giochi, che lanciavano un allarme occupazione, parlando di ben 300 lavoratori a rischio, in caso di chiusura alle 19.30.

I rappresentanti del settore avrebbero evidenziato come l’orario sia incompatibile per sale bingo e sale scommesse, visto che alle 19.30 sono ancora in corso parecchi avvenimenti ippici e sportivi e che l’accesso ai locali è comunque strettamente controllato.