Genoa, Belfodil può arrivare in prestito a gennaio - Genova 24

Genoa, Belfodil può arrivare in prestito a gennaio

Enrico Preziosi

Genova. Gian Piero Gasperini è stato chiaro, sono troppi i giocatori che si ritrova ad allenare a Pegli. Il tecnico rossoblù sfrutterà i mesi che mancano alla riapertura del calciomercato per fare valutazioni e quindi dare indicazioni alla società: sono tutti sotto esame. La rosa verrà sicuramente sfoltita ma non è da escludere che possa arrivare qualche rinforzo.

In tal senso sembra non essere tramontata l’idea di portare in rossoblù Ishak Belfodil. Francese, naturalizzato algerino, in estate è passato dal Parma all’Inter. I nerazzurri si sono accaparrati il 50% del suo cartellino versando ai ducali 7,5 milioni di euro. Un investimento importante, un investimento al quale non corrisponde un’accettabile quantità di minuti passati dall’attaccante sul terreno di gioco.

Walter Mazzarri in campionato gli ha concesso poco spazio, giusto un paio di apparizioni. Il modulo a una punta tanto caro al tecnico costringe Belfodil alla panchina. E poi ci sono Palacio, Icardi e Milito, la concorrenza non manca, guadagnarsi spazio è missione tutt’altro che agevole.

E qui salta fuori il nome del Genoa. Il club di Enrico Preziosi ci aveva fatto un pensierino già in estate ma alla fine non se ne fece nulla. Come successo ad agosto, Il Grifone punterà al prestito: per dar fiato ad Alberto Gilardino – ma non solo perché Belfodil a Parma ha dimostrato di poter giocare anche da seconda punta o esterno – e per tenere alto il valore del giocatore. Calcoli alla mano, un affare che potrebbe convenire a tutti.

I rapporti fra le società sono ottimi e l’operazione, con il benestare di tutte le parti in causa, si potrebbe chiudere in un baleno. Non è da escludere che nel mentre Genoa e Inter parlino di Sime Vrsaljko. Il terzino rossoblù fa gola a Mazzarri ma Preziosi non sembra intenzionato a privarsene, sicuramente non lo farà in inverno. Facile però supporre che l’Inter chiede una corsia preferenziale qualora i rossoblù si decidano a privarsi del croato.