Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Crollo ponte a Carasco, nasce il comitato “Salvare la Fontanabuona”: domani i funerali delle due vittime

Carasco. E’ nato un comitato per preservare l’economia della Val Fontanabuona tagliata in due dal crollo del ponte di Carasco sulla provinciale 225. Si chiama “Salvare la Fontanabuona” ed è stato costituito ieri al termine della riunione d’imprenditori fontanini convocati a Leivi dal Gal, agenzia di sviluppo del territorio genovese. Si sono presentati in molti, industriali, commercianti, artigiani, imprenditori locali. Tutti a chiedere una soluzione alternativa alla viabilità attraverso un ponte provvisorio che potrebbe essere collocato un po’ più a monte rispetto alla provinciale 225, in fondo alla Val d’Aveto.

“E’ il primo punto in assoluto che la politica deve risolvere secondo i commercianti della Fontanabuona, secondo i quali la segnaletica è da correggere perché nei pannelli alle Ferriere e in uscita ai caselli di Chiavari e Lavagna – spiega Marisa Bacigalupo, presidente del Gal – c’è scritto che la strada provinciale 225 è chiusa e questo scoraggia ad andare in Fontanabuona dove in questi giorni non gira anima viva. E invece è aperta, con percorsi alternativi, per il traffico leggero”.

Salvare la Fontanabuona ha già inviato le sue proposte al commissario della Provincia di Genova Piero Fossati e all’assessore regionale Raffaella Paita a cui chiedono un incontro nei prossimi giorni.

Intanto si lavora a Carasco per gestire la viabilità alternativa. La Provincia ha istituito semafori notturni per regolare il transito sulla comunale che porta al ponte di Loreto. Il by-pass sulla comunale di Carasco – vietato ai mezzi superiori alle 10 tonnellate – è stato presidiato costantemente da movieri e pattuglie (per tutta la notte scorsa della Polizia Provinciale e del settore Viabilità della Provincia di Genova) degli enti e delle forze del territorio che continueranno a farlo per 16 ore al giorno, dalle 6 alle 22, mentre nelle ore notturne, dalle 22 alle 6 entrerà in funzione il semaforo.

Gattorna invece si prepara a dare l’ultimo saluto a Claudio Rosasco e Lino Gattorna, le due vittime del crollo del ponte di Carasco. Il magistrato ha dato il nulla osta per la sepoltura. Le salme rientreranno oggi a Gattorna e in serata sarà celebrato il rosario. Giovedì invece alle 10.30 nella chiesa di San Giacomo i funerali celebrati dal vescovo diocesano monsignor Alberto Tanasini. In quel giorno il sindaco di Moconesi Gabriele Trossarello ha proclamato lutto cittadino.