Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Campo nomadi di Pra’, Avvenente: “Rimozione baraccopoli e bonifica non sono più rinviabili” foto

Pra’. Oltre 200 esposti presentati ai Carabinieri: contro il campo nomadi nella Fascia di Rispetto gli ormai esasperati cittadini di Pra’ hanno mandato segnali chiari. “L’anestesia è finita”, lo slogan del Comitato. Non a caso ieri il presidente di Municipio, Mauro Avvenente ha incontrato gli assessori di Tursi, Elena Fiorini e Gianni Crivello per battere il tempo sulla questione.

“Abbiamo ribadito la nostra posizione – spiega Avvenente – è finito il tempo delle discussioni, adesso dobbiamo cominciare la fase operativa”. Dopo 32 incontri a “tutti i livelli e con tutti i soggetti”, servono cioè atti concreti, altrimenti la situazione rischia di esplodere. “I cittadini sono infuriati e non hanno torto – sottolinea – chiediamo che il Comune si faccia carico del problema”. Di qui l’invito formale all’assessore Fiorini per presenziare nei prossimi giorni a un incontro operativo con il Municipio, i tecnici, i servizi sociali e le associazioni “caritatevoli” per la presa in carico dei soggetti deboli, donne in gravidanza, anziani e bambini, come previsto dalle norme.

“Vogliamo sederci intorno a un tavolo e stabilire chi fa cosa e in quali tempi. Fatto questo, la bonifica dell’area e la rimozione della baraccopoli non sono più rinviabili”, dichiara Avvenente smentendo qualsiasi ipotesi di trasformare il campo nomadi in uno attrezzato. “Da escludersi categoricamente – ha aggiunto – non si può guardare a Ponente solo per risolvere le criticità. Questo territorio ha già pagato un prezzo altissimo, è ora di coinvolgere tutta la città, altrimenti rischiamo seri problemi”.

L’auspicio, ma non la promessa, è di veder risolto il problema entro fine anno. “Non posso promettere – sottolinea – non dipende solo dal Municipio, ma abbiamo chiesto la mobilitazione di tutti e l’assessore Fiorini si è impegnato in questo senso. Ma se continuiamo solo a discutere non facciamo passi avanti. Cercheremo di dare un segno importante alla popolazione di Pra’ al più presto, ne hanno diritto”.

Foto di Roberto Di Tullo