Quantcast
Cronaca

Caccia sospesa, Bruzzone occupa il consiglio regionale: “Subito un altro calendario”

Regione. Un’azione simbolica “contro la mancanza della certezza di diritto” e per un ripristino “velocissimo di un nuovo calendario venatorio ligure”. Francesco Bruzzone, capogruppo Lega Nord in via Fieschi, ha preso “possesso” del consiglio regionale in segno di protesta contro la decisione di sospensione della caccia arrivata ieri in serata. Non se ne andrà finché non verrà ripristinata.

“Lo faccio per tutte quelle migliaia di cittadini liguri che hanno pagato fino a mille euro per poter andare a caccia e poi, dopo aver vinto un ricorso al Tar, si vedono arrivare un giudice di Roma che dice ‘ne parleremo dopo il 26 novembre’. Non è mai successo – rincara Bruzzone – è una cosa inaudita che va oltre il problema caccia, interessa tutto il sistema Paese. Io sono qui e rimarrò qui, al buio, finché non potrò uscire per andare a caccia”, promette nella veste di cacciatore.

Il capogruppo del Carroccio chiede infatti che la Regione “che pure non ha colpe, è bene ribadirlo, faccia subito un altro calendario riparatorio”, perché “non è pensabile, per ambiente e agricoltori, che in piena stagione venga chiusa la caccia”.

Sono circa 25-27 mila i cacciatori in sospeso dopo la decisione del Consiglio di Stato. “Tutte persone che intervenendo sull’ambiente rivestono un’importanza fondamentale – spiega ancora Bruzzone – Le proteste sono infinite, sono tutti i cittadini onesti che pagano le tasse. E’ come se un’automobilista pagasse una macchina in anticipo e poi gli consegnassero l’auto senza motore. In questo paese va data la certezza del diritto – aggiunge – La Regione non ha colpe, ma ha l’obbligo di intervenire, del resto c’è una legge voluta dal sottoscritto, si tratta solo di vedere quando e come rifare il calendario”. Inoltre “il dato curioso dell’ordinanza del magistrato romano – conclude – è che non è neppure dato un motivo specifico, si rimanda il tutto, ma non esiste che la caccia resti sospesa fino al 26 novembre”.

Il presidente del consiglio Rosario Monteleone, nel frattempo, ha sentito telefonicamente l’assessore Renata Briano: venerdì la proposta di un nuovo calendario potrebbe passare dalla commissione direttamente in giunta e da sabato, quindi, potrebbe riaprirsi la caccia.