Quantcast
Cronaca

Volano sedie, piatti e pentole: doppia rissa e doppia denuncia a Sampierdarena

sampierdarena

Sampierdarena. Una lite per soldi è degenerata, tanto da richiedere un doppio intervento della polizia. Il primo ieri mattina quando al 113 è giunta la segnalazione di una rissa. Il personale del Commissariato Prè, sul posto, ha identificato tre cittadini senegalesi di 31, 33 e 34 anni che, poco prima, avevano avuto una discussione per motivi economici.

Dai controlli effettuati è emerso che sia il presunto derubato che l’altro ospite, 33enne, non erano in regola con la normativa sull’immigrazione e per questo sono stati denunciati per il reato di clandestinità. La rabbia del più giovane del terzetto non è scemata e, alimentata da un eccessivo consumo di sostanze alcoliche, ha determinato il secondo intervento da parte della Polizia.

E’ stato il padrone di casa a chiedere aiuto al 113 in quanto all’interno della sua abitazione vi era una persona indesiderata. Gli agenti del Commissariato Cornigliano sul posto hanno trovato ad attenderli il richiedente, senegalese di 34 anni, in estremo stato di agitazione. All’interno dell’alloggio vi erano sedie rovesciate e numerosi suppellettili a terra e la persona non gradita in palese stato di ubriachezza. Nonostante la presenza del personale in divisa i due stranieri hanno iniziato a litigare animatamente in merito ad una questione di soldi ed ospitalità. Poiché gli animi continuavano ad essere agitati, i poliziotti hanno invitato la persona ubriaca, denunciata durante l’intervento della mattina, a seguirli presso gli Uffici della Questura.

Nell’uscire dalla casa, l’uomo si è impossessato di tre computer portatili presenti in sala, cosa che ha fatto infuriare il padrone di casa che gli si è avventato contro colpendolo al volto e minacciandolo. Entrambi gli stranieri sono stati accompagnati presso gli Uffici della Questura. L’aggressore è stato denunciato per lesioni, minacce e inosservanza alla normativa riguardante l’ospitalità di cittadini irregolari.