Quantcast
Cronaca

Prà, “l’anticamera dell’inferno”: i cittadini scendono in piazza contro il degrado

Prà. Sono scesi in piazza molto numerosi, in centinaia, per denunciare ancora una volta lo stato di abbandono in cui versa Prà, per esprimere la propria delusione nei confronti dell’operato delle istituzioni locali (tra cui la gestione della fascia di rispetto, i POR, la prevista autostrada in Prà).

Sono i cittadini della zona, che hanno dato vita a una manifestazione, organizzata dal Comitato per Prà, lungo le vie cittadine. “Senza nessun fine partitico, ma decisi una volta per tutte a cambiare le cose”, dicono.

L’obiettivo, quindi, è quello di non rimanere a guardare, ma agire affinché Prà possa rialzare la testa e uscire dal degrado. “Diamoci delle priorità e iniziamo a fare – si legge nel volantino della manifestazione – basta chiacchiere e chiacchieroni”.

E a proposito di degrado, nel frattempo un cittadino di Prà, Roberto Nicolick, ha anche girato un video sotto il viadotto presso la stazione per far capire come stiano realmente le cose. “Odore indescrivibile, quintali di immondizia, fetore di urina ed escrementi – si sente nel video – Genova Prà, l’anticamera dell’inferno”.

Guardando la pagina Facebook del Comitato per Prà, poi, si capiscono i motivi delle preoccupazioni, ad esempio vedendo le foto del Branega. “Nel Branega è cresciuto un bosco. Quali sono le priorità in attesa della prossima alluvione?”, scrive Gerardo commentando le sue foto. Tutto ciò ha spinto i cittadini a manifestare per chiedere un intervento concreto e non solo parole.