Quantcast
Cronaca

Odissea sull’intercity Livorno-Milano: due ore di ritardo, passeggeri infuriati

treno

Genova. Due ore di ritardo e pendolari infuriati. Un’odissea quella dei pendolari spezzini dell’Intercity 662 proveniente da Livorno e diretto a Milano, in partenza dalla Spezia alle 7.46. Dovevano arrivare nel capoluogo ligure alle 9, sono arrivati poco dopo le 11.

”Il treno è arrivato in stazione con quasi un’ora di ritardo, pare per il furto di cavi di rame tra Livorno e Pisa – spiega un passeggero – per poi fermarsi senza spiegazioni e per lungo tempo a Recco e
a Nervi. E’ uno scandalo”

“Se il buon giorno si vede dal mattino la ripresa dopo le ferie estive non si presenta con dei buoni auspici, non vorremmo che questo fosse il primo di tanti episodi che si presenteranno – commentano i consiglieri regionali Matteo Rosso e Gino Garibaldi che annunciano un’interrogazione – La richiesta all’Assessore regionale Vesco è di monitorare la situazione della tratta e dei treni soprattutto nella fascia dei pendolari. Quanto è accaduto questa mattina è un episodio ma si inserisce in un contesto che è già critico e che ogni giorno svilisce gli utenti che si sopportano tariffe salate e sempre in aumento a fronte di un servizio che peggiora di mese in mese”.

“Crediamo che quanto subito oggi dai viaggiatori debba essere segnalato a Trenitalia, invitiamo Vesco a scrivere all’azienda per evidenziare la situazione. Bisogna infatti considerare che soprattutto nelle fasce protette i treni vengono utilizzati da lavoratori e studenti che non posso continuare ad arrivare in ritardo perdendo ore di lavoro e di scuola”, concludono Rosso e Garibaldi.

Più informazioni