Quantcast
Economia

Meeting Confesercenti, De Luise: “Importante occasione di riflessione sull’attualità”

stefano fassina

Si è concluso oggi a San Martino in Campo, in provincia di Perugia, il XIII Meeting nazionale di Confesercenti. Tre giorni dedicati alla formazione, al marketing associativo, ai temi dell’innovazione, dell’Ict e dei nuovi profili di consumo, con interventi di economisti e ricercatori come Carlo Ratti del Massachusetts Institute of technology (Mit) e Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia.

Durante il meting tra i punti sollevati dagli esponenti politici intervenuti – Renato Brunetta (Pdl), Stefano Fassina (Pd) e Riccardo Nuti (M5S) – ci sono la cancellazione dell’Iva e dell’Imu sui beni strumentali e la necessità di riportare in capo ai territori la regolamentazione degli orari degli esercizi commerciali.

La terza ed ultima giornata, quella di domenica, è stata dedicata all’attualità politica con gli interventi dei capogruppo alla Camera del Pdl Renato Brunetta – che ha garantito a brevissimo un decreto per la sterilizzazione dell’aumento Iva per il prossimo trimestre – e del Movimento 5 Stelle Riccardo Nuti – soffermatosi sui costi per le imprese derivanti della scarsa credibilità della politica -, oltre che del viceministro dell’Economia Stefano Fassina (Pd). Quest’ultimo ha indicato come priorità per le piccole e medie imprese la cancellazione dell’Iva e dell’Imu sui beni strumentali.

Tutti si sono detti concordi sulla necessità di riportare in capo ai territori la regolamentazione degli orari degli esercizi commerciali, sull’esempio dell’iniziativa di legge popolare promossa da Confesercenti con la raccolta di 180.000 firme nell’ambito della campagna “Libera la Domenica”, al di fuori delle ideologie e delle contrapposizioni lobbistiche.

«Il meeting ha rappresentato un’importante occasione di riflessione sull’attualità – afferma la genovese Patrizia De Luise nella sua veste di vicepresidente nazionale di Confesercenti – ma anche e soprattutto sul futuro delle pmi. Un incontro di fondamentale importanza per focalizzare l’attenzione sugli obiettivi strutturali da affrontare, in modo da uscire da quella prospettiva esclusivamente emergenziale in cui la crisi costringe l’economia e la politica da troppo tempo».