Quantcast
Cronaca

Marinai della Msc ubriachi nel centro storico, i cittadini: “Comportamento indecente”

Genova. La vicenda è nota. Una dozzina di marinai della Msc e della Gnv si sono talmente ubriacati nel centro storico, che hanno addirittura fatto ritardare la partenza della nave da crociera. Un’ubriacatura che ha richiesto l’intervento della polizia e sollevato lo sdegno dei residenti nel centro storico.

“Siamo stanchi di vedere questo spettacolo davanti ai nostri portoni! Ubriachi che gozzovigliano per strada, utilizzano i vicoli come immondezzai, abbandonando i loro rifiuti, utilizzando la strada come latrina a cielo aperto”. Questa la denuncia dell’Osservatorio Prè Gramsci, che porta alla luce ciò che vivono i cittadini del centro storico.

Questa volta, però, le lamentele sono contro la compagnia Msc crociere. “Oggi provvederemo a volantinare nell’area del porto antico per far conoscere ai genovesi come si comporta la Msc nei confronti della città che la ospita – spiegano – A questo punto è complice anche il Comune visto che continua ad offrire opportunità ad una Compagnia che lascia libero il suo personale di ubriacarsi nelle pubbliche vie. O il Comune è sotto ricatto?”.

Forte la denuncia dei cittadini. “Msc potrebbe aver imposto all’amministrazione cittadina di non dare riscontro alle denunce dei cittadini, altrimenti porti ce ne sono tanti! Ma ci chiediamo: Come mai a Savona il personale di Costa Crociere non distrugge il centro storico della città della torretta? Perché nel fine settimana non si incontra in via Paleocapa o via Pia personale di Costa crociere ubriachi? Perché il comune di Gnova continua ad essere passivo e non interviene? Il Comune preferisce tutelare una sua clientela piuttosto appunto che tutelare i cittadini”.

“E che nessuno ci dica che incalzando Msc rischiamo di perderla perché di tutta risposta potremmo rispondere che non ci importa perché nei fatti Genova non perderebbe nulla! Ad esempio le centinaia di turisti che sbarcano il più delle volte manco la vedono la città infatti vengono caricati sui pullman per essere trasportati all’outlet di Serravalle. Adesso basta degradare una zona, la solita zona: Prè! Non è una pattumiera è una bella strada che potrebbe offrire ai turisti una passeggiata serena all’ombra, quando in via Gramsci l’asfalto ribolle – proseguono – Pré è ormai abitata anche da tante persone per bene che hanno bisogno di un commercio essenziale, sano, e l’unica soluzione è che la strada diventi l’arteria principale per lo scorrimento dei turisti provenienti dalla stazione marittima e da Ge-ovest”.

L’osservatorio segnalerà anche all’assessorato alla Legalità che la telecamera di sicurezza apposta proprio sull’imbocco di vico del Gallo (il vicolo della foto), ormai rimossa, sarebbe stata utile per far vedere le immagini ai dirigenti Msc.