La Sampdoria va avanti con Delio Rossi, ma i numeri sono impietosi - Genova 24

La Sampdoria va avanti con Delio Rossi, ma i numeri sono impietosi

gradinata sud sampdoria coreografia

Genova. Se Atena piange, Sparta non ride. La differenza tra Genoa e Sampdoria in questo momento è che Garrone non ha deciso di cambiare la conduzione. Delio Rossi, d’altronde non è una invenzione del presidente blucerchiato, bensì allenatore con un lungo curriculum e di grande esperienza.

Il mercato latitante, in cui la Sampdoria si è privata di Icardi (in gol anche quest’oggi contro il Cagliari) e Poli, forse si giustifica soprattutto per la fidicia che era conservata in Delio Rossi. Invece.

Invece, due punti in classifica, mai così male dopo le prime sei giornate: la Sampdoria sconfitta ieri sera a Milano affronta una crisi senza precedenti nella sua storia recente. L’ultima vittoria risale al 18 maggio scorso, in casa con la Juve, ma è stata anche l’unica in una striscia, tra vecchio e nuovo campionato, di ben 17 partite.

I blucerchiati subiscono gol da 15 gare consecutive. La panchina di Delio Rossi al momento non è in discussione dunque, ma i prossimi risultati saranno decisivi per il futuro del tecnico.

Rossi la scorsa estate ha firmato un biennale, la società, che ha ancora a libro paga Ciro Ferrara fino al 2014, ha fiducia nelle sue qualità ma ora si aspetta una reazione.

Domenica arriva a Genova il Torino e si attende la prima vittoria. Martedi’, alla ripresa degli allenamenti, si farà il punto.

Domenica mancheranno per squalifica Costa e Kristicic ma per cancellare i problemi sotto porta Rossi spera nel recupero di Eder.

Non è escluso che per preparare al meglio la gara la società decida di anticipare di un giorno il ritiro nell’hotel genovese che ospita la Samp prima delle sfide al Ferraris.

Più informazioni