Quantcast

Il Genoa e i derby di settembre: la doppietta di Nappi (1996) la più grande gioia rossoblù

Marco Nappi

Genova. Siamo alle prime battute della stagione 1996-97.Il Genoa naviga in Serie B, a caccia di una promozione che arriverà solo anni più tanti. La Samp vive in un’altra dimensione: è la squadra di Eriksson e di Mancini, di Mannini e Veron, Karembu e Mihajlovic. E poi è arrivato un certo Montella, uno che fino a pochi mesi prima decollava sotto la Gradinata dei cugini. Il presidente rossoblù Spinelli se lo è fatto scappare favorendo proprio i rivali di sempre: sono i blucerchiati a formulare l’offerta giusta, quella che convince l’Empoli.

Fallita la promozione con Radice e Salvemini, il Genoa riparte dalla Coppa Italia. Dal Lecce. Vincere consentirebbe di vivere le emozioni della stracittadina. I rossoblù perdono 2-0 ma i salentini hanno schierato un giocatore squalificato aggiudicandosi d’ufficio il passaggio del turno.

Sotto con il derby dunque. Si gioca il 18 settembre. I pronostici sono tutti a favore della Sampdoria. E tutto va secondo copione con il Grifone che resta in 10 per il rosso sventolato in faccia a Torrente (fallo su Montella) e incassa la doppietta dell’Aeroplanino. Il grande ex sigla il vantaggio, sbaglia un rigore e realizza il successivo. La partita sembra finita, nella Sud c’è chi sogna la goleada nonostante anche il Doria sia rimasto in 10: doppio giallo a Mannini.

Ma Marco Nappi non è dello stesso avviso, non si da per vinto. E a una manciata di secondi dalla fine del primo tempo accorcia le distanze. Sponda aerea di Goossens, lo stop dell’attaccante facilitato da un tocco col braccio e l’esterno destro che non lascia scampo a Ferron.

Il gol cambia gli equilibri. Nel secondo tempo ecco il Genoa, quello vero. Ancora Nappi, ancora gol: 2-2. Il biondo sfiora il tris con un pallonetto da antologia che non inquadra la porta per pochi centimetri. Com’è, come non è, quella partita il Grifone è come se l’avesse vinta. La Nord in delirio, il derby che per regolamento (all’inglese) va rigiocato (e quindi vinto dai rossoblù con i gol di Morello e Rutzittu).

Dei derby giocati in questo mese quello del 18 settembre 1996 è quanto di più vicino al successo per i rossoblù che in sette precedenti ha solo pareggiato (quattro volte) e perso (tre). Tutta roba di Coppa Italia o quasi però. L’unica stracittadina settembrina di campionato è datata 23 settembre 2007: finisce 0-0 ma è l’anno in cui la città riscopre la rivalità più antica di sempre nella massima serie.