Quantcast

Genova, “Pesce ritrovato, piacere di conoscerlo”

pesce

Genova. Si svolgerà venerdì 27 settembre alle ore 15.30 presso l’Associazione G.A.U. Giovani Amici Uniti di Genova (Piazza Giuliano Suppini 4) l’incontro “Pesce ritrovato. Piacere di conoscerlo” per scoprire insieme le specie ittiche meno conosciute.

Promosso da COOP Liguria in collaborazione con Legapesca e Acquario di Genova, l’incontro ha l’obiettivo di contribuire alla sensibilizzazione del pubblico alla conservazione della biodiversità marina, alla riscoperta delle specie ittiche locali, alla riduzione degli scarti di pesca e all’incremento della domanda di specie ittiche ad oggi meno note.

L’incontro, a partecipazione pubblica e gratuita, prevede anche una dimostrazione pratica di sfilettatura e degustazione di pesce locale a cura dei Pescatori di Liguria Organizzazione Produttori.

L’iniziativa fa parte del progetto di sensibilizzazione sul consumo ittico consapevole finanziato dalla Commissione Europea all’interno del programma LIFE+ e supportato dalla Regione Liguria, cofinanziatrice del progetto; coordinato dall’Acquario di Genova, struttura gestita da Costa Edutainment, il progetto coinvolge importanti partner italiani quali Legambiente, Lega Pesca, AGCI Agrital, Coop Liguria e Softeco Sismat.

Il progetto nasce allo scopo di stimolare il cambiamento delle attitudini dei consumatori, aumentando la conoscenza e, di conseguenza, l’apprezzamento di specie ittiche usualmente trascurate, promuovere ed estendere questo tipo di approccio a livello nazionale e creare una rete che raggruppi tutti gli operatori di settore: dal singolo pescatore alle cooperative di pesca, dalla vendita al dettaglio alla grande distribuzione, dai ristoratori alle catene di alberghi, fino a coinvolgere operatori turistici che propongano itinerari tematici e iniziative legate al turismo sostenibile.

L’obiettivo ultimo del progetto, di durata triennale, è attivare un ciclo virtuoso che determini un incremento della domanda e del valore commerciale delle specie promosse dal progetto stesso, contribuendo a ridurre gli scarti, diminuire la pressione di pesca su specie oggi sovrasfruttate e preservare, quindi, la biodiversità marina.