Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Atp, Tovo: “Lo sciopero selvaggio? Una scelta di disobbedienza civile che comprendo”

Sant’Olcese. “Lo sciopero selvaggio promosso dai lavoratori di ATP, ovvero la scelta di non osservare le fasce protette garantite, è un episodio grave, ma molto più grave è drammatica è la situazione in cui si trova l’azienda. Un disagio pesante quello che hanno dovuto subire gli utenti questa mattina , in seguito alla mancata erogazione di servizio, vicenda che non ha precedenti e sottolinea l’alta tensione. Colpiti sia i lavoratori sia gli studenti che hanno dovuto ricorrere ad altri mezzi per raggiungere il luogo di lavoro o di studio: certamente non tutti hanno avuto questa possibilità.

Questa mattina i cittadini hanno “assaggiato” ciò che in realtà potrebbe verificarsi tra meno di 20 giorni se non arriveranno nuove risorse economiche: ATP sta fallendo e il Governo deve intervenire non ha più attenuanti. Non è più il tempo delle ipotesi, il Governo non può sottrarsi ai propri obblighi: onori il debito di oltre 32 milioni di euro che deve alla Provincia di Genova, evitando cosi il fallimento di ATP.

In quanto assessore, è difficile giustificare la mancata erogazione di servizio sull’intero territorio, ma è altrettanto vero che è la prima volta in cui ci troviamo di fronte alla certezza del fallimento dell’azienda e non più a una mera possibilità. Per questo motivo, di gravità assoluta, rompo ogni indugio e ogni convenzione: non posso condannare l’azione dei lavoratori di ATP che oggi hanno scelto il modo più duro per dimostrare le loro inquietudini; preoccupazioni che interessano tutti, non solo chi rischia il posto di lavoro, ma soprattutto le migliaia di utenti che rischiano di rimanere, non oggi ma in un futuro imminente, senza servizio di trasporto pubblico locale, con fortissime ripercussioni sia economiche che sociali.

Credo che oggi su quelle corriere sottratte al servizio pubblico e utilizzate per raggiungere il centro di Genova avrebbero dovuto salire i sindaci di tutti i comuni serviti da ATP indossando la fascia tricolore e gli assessori ai trasporti, per proporre in questa situazione un patto di solidarietà tra i lavoratori, utenti e amministratori per difendere e salvare gli interessi del nostro territorio. “