Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ansaldo, “No alle cessioni”: lunedì a Genova sciopero e corteo

Genova. “Alsando non si tocca”. Questo in sostanza è quanto ribadiscono lavoratori e sindacati dopo l’incontro del 23 Settembre tra le Segreterie nazionali di Fim, Fiom, Uilm e i vertici del Gruppo Finmeccanica per approfondire le questioni industriali relative alla prospettiva delle Società Ansaldo Energia, Ansaldo STS e Ansaldo Breda, in cui è stata confermata la volontà del Gruppo di vendere le stesse.

“Noi non ci stiamo”, dicono i sindacati che, insieme ai lavoratori, lunedì mattina scenderanno in piazza per dare vita a una manifestazione di protesta con corteo. “Se di partner industriali hanno bisogno queste Società, si presenti un vero piano industriale e ci si confronti con trasparenza ai tavoli competenti”, dicono.  Per FIM, FIOM e UILM ci devono essere le caratteristiche di una governance italiana aperta a partnership industriali.

“Si continua a seguire una strategia che è tutto tranne che un piano industriale – spiegano – Queste operazioni indeboliscono le capacità industriali di Finmeccanica, del Paese Italia e soprattutto della città di Genova. La politica locale e l’intera città sono chiamate a mobilitarsi, insieme ai lavoratori, per non disperdere questi importanti e gloriosi patrimoni industriali. E’ ormai necessario che il Governo si pronunci ufficialmente (come azionista di Finmeccanica) sulle prospettive di queste Società: lo stesso non può essere né neutrale, né spettatore passivo bensì dare un indirizzo di politica industriale che salvaguardi queste specificità italiane in settori così strategici”.

FIM, FIOM e UILM di Genova chiedono pertanto un incontro urgentissimo con il Governo e per raggiungere questo obiettivo proclamano sciopero per lunedì, con partenza del corteo alle 9 dai cancelli di Ansaldo Energia e Sts. I lavoratori raggiungeranno poi la Prefettura e rimarranno in presidio finché non avranno ottenuto la convocazione del governo.