Quantcast

Acquisti e cessioni, la nuova rivoluzione del Genoa. Fischi o applausi per Preziosi?

enrico preziosi

Genova. Nuovo l’allenatore, nuova la metà dei giocatori che si ritrova a disposizione. Enrico Preziosi, dopo due stagioni in cui il Genoa si è salvato all’ultimo respiro, non ha deciso di ripartire da zero ma poco ci manca. E quindi ecco la scommessa Fabio Liverani in panchina e un calciomercato che ha trasformato il volto della squadra.

Non facile tracciare un bilancio, è ancora troppo presto per capire se questo Grifone sia più forte di quello dello scorso anno. Archiviate le prime sconfitte della stagione il campionato ripartirà con il derby di domenica 15 settembre.

I tifosi rossoblù si interrogano, sperando che il nuovo Genoa sia capace di imporsi sui cugini e di regalare un campionato tranquillo. Si ripassano quindi arrivi e partenze ma per dare un giudizio definitivo bisognerà aspettare nuovi test, nuove partite.

Cominciamo con gli addii: hanno lasciato il quartier generale di Pegli i vari Frey, Tzorvas, Granqvist, Bovo, Moretti, Cassani, Seymour, Jorquera, Lazarevic, Birsa, Jankovick, Floro Flores e Immobile; senza contare la toccata e fuga del greco Tachtsidis e il ritiro dalle scene di capitan Marco Rossi.

Per rimpiazzarli sono arrivati solo ieri Calaiò, Stoian, Fetfatsidis e Bizzarri. Volti nuovi che vanno ad aggiungersi a quelli di Centurion, Antonini, Marchese, De Maio, Santana, Konate, Vrsaljko, Lodi, Gamberini. Ci sono poi i cavalli di ritorno come Cofie, Biondini e Gilardino.

Cancellato infatti sul più bello il valzer delle punte. Alberto Gilardino resta al Genoa, Marco Borriello alla Roma e Fabio Quagliarella alla Juventus. Nel pomeriggio di ieri sembrava che il primo potesse raggiungere Torino liberando così il posto per il giallorosso a sua volta rimpiazzato nella capitale da Quagliarella.

Ci ha pensato Antonio Conte, tecnico della Juventus, a far saltare la trattativa opponendosi alla cessione del bomber napoletano. Roma e Genoa hanno a quel punto provato a rispolverare il vecchio tormentone estivo, lo scambio Gilardino-Borriello. Ma l’ingaggio del romanista e le perplessità dell’attaccante della Nazionale hanno fatto naufragare anche questa possibilità.

Gilardino resta quindi a disposizione di Liverani e vista la prestazione sfoderata dall’ex del Bologna contro la Fiorentina c’è di che gioire. Potrebbe essere lui il migliore acquisto della stagione.