Quantcast

Lettera al direttore

Chiavari, lettera aperta del consigliere Cervini: “Parco di Villa Rocca chiuso da un anno. Inaccettabile”

Può una città come Chiavari permettersi il lusso di avere in pieno centro urbano un parco bellissimo e lasciarlo chiuso, inutilizzato ed in stato di abbandono? Tutti concorderemmo nel dire NO!
Eppure questa è l’amara realtà! Infatti è da più di un anno che la parte bassa del Parco Rocca, quella che si affaccia su Piazza Verdi e alla quale si accedeva gratuitamente da salita Gianelli ha il cancello chiuso con una catena.

Le attuali piante, aiuole, panchine sono in uno stato di degrado che grida vendetta. Ma soprattutto i Chiavaresi non trovano appeso al cancello alcuna spiegazione a questa improvvida chiusura.
In verità a settembre dello scorso anno, in occasione dell’inizio dell’anno scolastico, e a maggio di quest’anno, in occasione della festa di primavera, il giardino era stato riaperto ed aveva ospitato bambini e famiglie che si erano divertite grazie ad educatori ed animatori messi a disposizione dai Servizi Sociali del Comune.
Fino ad agosto 2012 la Civica Amministrazione aveva previsto tra le opere pubbliche da finanziare con circa 100.000 euro anche la riqualificazione di questa zona con “…la realizzazione di un’area gioco per bambini”, ma già alla fine di novembre l’intervento veniva cancellato dalla programmazione “ …in quanto si richiedevano più approfondite valutazioni circa la possibilità di realizzazione”.

Dinanzi al perdurare della chiusura del parco ed alla mancanza di qualunque ipotesi di intervento ho chiesto, in qualità di Consigliere Comunale, agli Uffici competenti le ragioni della persistente chiusura ricevendo la seguente risposta: “ Il parco era frequentato da giovani e meno giovani in modo e per attività indecorose ( spaccio, prostituzione, uso di alcolici e droga) per cui gli Assessori competenti avevano dato ordine di chiudere i battenti.

Ora, per quanto mi riguarda, credo che tale provvedimento sia il più sbagliato ed inutile che si potesse adottare. Possibile che nella Città che vanta il più alto numero di telecamere, che annovera la presenza continua di Vigili Urbani e Carabinieri, che spende ogni anno oltre 15.000 euro per “ l’attività di sostegno alla vigilanza e sorveglianza dei parchi e giardini pubblici” ( vedasi delibera di G.M.n. 169 del 25.6.3013) non sia possibile garantire alle famiglie, agli anziani ed ai bambini l’utilizzo di quasi 500 mq. di parco in centro Chiavari con annessi servizi igienici?
Per avere risposta a queste mie perplessità ed anche per verificare la reale possibilità di realizzare un Parco Giochi da destinare ai bambini ho presentato un’interpellanza al Sindaco, all’Assessore ai Parchi e Giardini sig. Garibaldi ed al Consigliere con delega ai Parchi sig.ra Merciari da discutere nel prossimo Consiglio Comunale.

Il Consigliere di “ Chiavari nel cuore “
Dott. Emilio Cervini