Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Banca Carige cede Carige Asset Management ad Arca Sgr per 101 milioni di euro

Genova. Banca Carige S.p.A. (“Banca Carige”) e Arca SGR S.p.A. (“Arca SGR”)
primario operatore indipendente nel mercato dell’asset management in Italia con oltre 19,3 miliardi di euro di masse in gestione, hanno firmato il contratto per la cessione da parte di Banca Carige della totalità del capitale sociale di Carige Asset Management SGR S.p.A. (“Carige AM SGR”) e un accordo strategico nel settore del risparmio gestito volto a implementare una relazione
commerciale preferenziale di lungo periodo tra il Gruppo Banca Carige ed Arca SGR.

Ciò nell’ottica di ampliare la gamma dei prodotti di investimento per la propria clientela ed accogliendo, peraltro, l’invito delle Autorità di Vigilanza circa la separatezza tra fabbriche prodotto e reti distributive.

Per il Gruppo Banca Carige l’operazione rappresenta la realizzazione di uno dei passi annunciati nell’ambito del piano di rafforzamento patrimoniale approvato dal Consiglio di Amministrazione nei mesi scorsi.

Il prezzo di cessione, pari a  101 milioni di euro, comporterà per il Gruppo Banca Carige una plusvalenza lorda di 93 milioni, che riduce l’esigenza di rafforzamento patrimoniale. L’operazione si tradurrà in un miglioramento del Core Tier 1 ratio del Gruppo Banca Carige pari a 40 bps. Carige AM SGR , costituita nel 2003, è la società di asset management del Gruppo Banca Carige,
con oltre  4,2 miliardi di euro di masse in gestione, di cui  3,3 miliardi di fondi comuni, al 30 giugno 2013.

Alla stessa data il patrimonio netto era di  8,3 milioni di euro. La società ha chiuso l’esercizio 2012 con un utile netto di 4,4 milioni.

“E’ con piena soddisfazione che concludiamo la trattativa con Arca SGR per la cessione di Carige AM SGR – afferma il Presidente di Banca Carige, Giovanni Berneschi – La dismissione di Carige AM SGR rappresenta un ottimo risultato sulla via della realizzazione del Piano di Rafforzamento”.