Quantcast
Cronaca

Violenta rapina ad Albaro, anziano immobilizzato e picchiato: arrestata la ex badante, caccia alla complice

macchina

Albaro. Ciò che da subito aveva colpito era stata la violenza con cui un 79enne residente ad Albaro era stato rapinato. Ora, gli agenti della V sezione Reati contro il patrimonio della Squadra Mobile di Genova, al termine di un’approfondita quanto rapida attività investigativa hanno arrestato Angelica Ponce Hernandez, 27enne genovese con origini sudamericane.

La donna, con pregiudizi di polizia specifici, è ritenuta responsabile, in concorso con una complice tuttora in corso di identificazione, della rapina consumata lo scorso 30 giugno nei confronti del 79enne.

La giovane, che ben conosceva la vittima avendo lavorato alle sue dipendenze in qualità di badante, approfittando dell’età avanzata dell’uomo, si era introdotta all’interno dell’appartamento con una scusa e, distraendo l’anziano, aveva consentito alla sua complice di entrare in casa e di immobilizzare l’uomo, mentre lei rovistava all’interno degli armadi e delle suppellettili alla ricerca di denaro e di beni preziosi.

La vittima era stata violentemente aggredita e bloccata con il peso del corpo su di una poltrona e, per soffocarne le urla ed impedirgli di chiedere aiuto, una delle due donne gli aveva tappato la bocca con sacchetti di plastica.

A seguito della violenta aggressione, l’uomo era stato condotto al Pronto Soccorso dell’ospedale San Martino e dimesso con una prognosi di otto giorni. Sottratti alla vittima il portafoglio, del denaro contante, alcuni libretti di assegni ed il telefono cellulare.

Le dichiarazioni dell’anziano ed i riscontri attentamente raccolti dal personale della Squadra Mobile, hanno consentito al pm Federico Manotti della Procura della Repubblica di Genova, di richiedere il provvedimento restrittivo, emesso dal gip Borzone l’8 luglio.

La ex badante è stata rintracciata nel quartiere di Rivarolo in un appartamento nel quale si era rifugiata dopo al rapina. A lei gli uomini della Squadra Mobile sono arrivati nel tardo pomeriggio di ieri, dopo un lungo pedinamento della madre che era andata a trovarla. Sono inoltre in corso ulteriori approfondimenti investigativi volti all’individuazione della complice dell’arrestata edalla ricostruzione di eventuali altri episodi di rapina.

L’arrestata è attualmente detenuta presso la Casa Circondariale di Genova Pontedecimo.