Quantcast

“Un palcoscenico tra terra e mare”: otto realtà del territorio insieme per battere la crisi

festival corpi urbani

Genova. Aria Festival, Circumnavigando festival, Corpi urbani/Urban Bodies, Festival in una notte d’estate- percorsi – Lunaria Teatro, Festival musicale del Mediterraneo, La Tosse d’estate, Teatri e paesaggi – Teatro Cargo e Ridere d’agosto… ma anche prima – Teatro Garage, a partire da quest’anno hanno deciso di iniziare una collaborazione da cui prende vita un nuovo progetto: “Un palcoscenico tra terra e mare”.

In sintesi questi soggetti si impegnano a dare vita a sinergie per attuare comuni forme di promozione e iniziative che coinvolgano i media tradizionali e sfruttino al meglio le nuove forme di comunicazione via web. Si uniscono così appuntamenti ed eventi consolidati la cui sopravvivenza è messa sempre più a dura prova a causa del diminuire delle risorse, della riduzione dei contributi pubblici e privati e dal contemporaneo aumento dei costi.

L’intenzione è di presentarsi al territorio come un insieme organico con lo scopo di ampliare il pubblico e aumentare la diffusione della cultura dello spettacolo dal vivo, condividendo le proprie risorse.
Inoltre, sempre nell’ottica di una riduzione dei costi si vuole iniziare a progettare e co-produrre eventi da inserire nelle rispettive programmazioni.

Da molti anni la Liguria è una regione ricca d’eccellenze per quanto riguarda il panorama artistico e culturale del nostro Paese. Un’offerta di riconosciuta qualità che comprende: teatro, danza, musica, arti visive, progetti site specific, circo, attività per ragazzi, letteratura, cabaret e teatro di strada.
Appuntamenti che ravvivano le serate delle nostre città e spesso funzionano come argine al degrado sociale di alcune zone, oltre a ottenere importanti ricadute sull’indotto economico.
Questi eventi sono infatti un considerevole richiamo turistico per migliaia di persone spesso provenienti da altre zone d’Italia o dall’estero.