Quantcast
Cronaca

Pesto al botulino: la Procura di Genova avvia indagine, non individuato reato

palazzo di giustizia - tribunale

Genova. La Procura della Repubblica di Genova ha avviato un’indagine sul pesto a rischio botulino. Questa mattina il pubblico ministero Stefano Puppo, incaricato del caso dal procuratore aggiunto Vincenzo Scolastico, ha aperto un fascicolo modello ’45’ – ”Atti non costituenti notizia reato” – in base alla relazione preliminare inviata dai carabinieri del Nas dopo l’ispezione all’interno dell’azienda di Pra’ che produce il lotto di pesto ritirato dal commercio.

Al momento non è stato ancora individuato un titolo di reato. Si attenderanno in questo senso le analisi di laboratorio sui campioni sequestrati dai carabinieri. Secondo quanto è trapelato, dal controllo effettuato all’interno della ditta e su tutta la filiera non sono emerse irregolarità.