Quantcast
Cronaca

Genova, assemblea dei lavoratori Aster in piazza De Ferrari: “Quale futuro per noi?”

lavoratori aster protesta

Genova. Stamattina in piazza De Ferrari a Genova si terrà l’assemblea pubblica dei dipendenti Aster. La scadenza stabilita dalla spending review, che impone l’alienazione delle aziende controllate direttamente dalla pubbliche amministrazioni o in alternativa l’alienazione della partecipazione detenuta (privatizzazione) è imminente ed il Comune di Genova, nonostante le ripetute sollecitazioni, non ha definito un chiaro indirizzo politico. In pratica, nonostante gli impegni assunti con l’accordo del gennaio 2013, non esprime con chiarezza alcun intendimento circa il futuro di Aster.

I lavoratori, quindi, sono molto preoccupati ed è per questo che attendono chiarezza. “Nello stesso tempo, l’Amministrazione ha congelato il tavolo sindacale per il premio di risultato 2013 e bloccato gli aumenti contrattuali per i dipendenti di Aster, equiparando gli stessi ai pubblici dipendenti e quindi inserendo pienamente Aster nella spending review – si legge in una nota dei sindacati – Si propongono processi di mobilità per il personale tecnico/amministrativo senza chiarire quale percorso s’intende adottare”.

Il bilancio comunale non è stato approvato. “Quindi, mentre Aster sostiene costi per i cantieri di stesa, potatura ecc. non vi è certezza in merito alla copertura economica degli stessi. E’ presumibile che grazie al mancato pagamento del premio di risultato e degli aumenti contrattuali i dipendenti di Aster si pagheranno una parte di questi lavori”.

Mentre la rappresentanza sindacale unitaria sollecita da tempo il blocco dei cantieri maggiormente onerosi in attesa di certezza sui trasferimenti, l’azienda prosegue una produzione sfrenata aumentando ulteriormente i costi con lavori notturni. “Oggi Aster vede aumentare l’esposizione bancaria in assenza di certezze in merito alla successiva copertura della stessa. Ci chiediamo. con quali soldi saranno pagati i nostri prossimi stipendi? – dichiarano i lavoratori – Inoltre Aster potrebbe rientrare, a pieno titolo, negli ipotizzati e prossimi spostamenti di quote azionarie da un’azienda all’altra (una parte della nostra azienda è appetibile)”.
Per tutti questi motivi oggi i lavoratori hanno deciso di dare vita a un’assemblea pubblica con volantinaggio, nella speranza di riceve risposte.