Quantcast
Economia

Dal risparmio alla tutela dell’ambiente: due progetti per riscoprire il pesce “dimenticato” e i prodotti liguri

Liguria. “Pescato nel Mar Ligure “ e “Orto Qui” sono i due progetti presentati questa mattina da Legacoop, Coop Liguria e Regione per promuovere i prodotti locali liguri di mare e di terra.

“La Coop Liguria da sempre cerca di valorizzare i prodotti del territorio e ha anche firmando da molto tempo un protocollo d’intesa con le organizzazioni locali e gli operatori – dichiara Francesco Berardini, presidente Coop Liguria – Oggi circa il 10% degli acquisti dei nostri prodotti avviene attraverso le imprese liguri e di recente molte di loro hanno esteso il raggio di azione sul mercato a tutto il consorzio”.

Nel corso del 2012, le vendite di prodotti forniti da imprese liguri, nelle tre Cooperative di Coop Consorzio Nord Ovest, sono state pari a 110 milioni di euro, con un incremento del 5% sul 2011. “In questo quadro si inseriscono anche i due progetti di oggi – prosegue Berardini – Per quanto riguarda il pescato ligure, esiste una duplice valenza, cioè proporre il pescato locale, quindi con caratteristiche di particolare freschezza e inoltre proporre anche i pesci ‘dimenticati’, specie buone, ma non conosciute, quindi che non vengono richieste e non pescate”. La stessa cosa vale per “Orto Qui”, dove promuovendo i prodotti a chilometro si tutela anche l’ambiente.

Progetti di grande valenza, quindi, anche se la crisi fa sì che spesso i consumatori scelgano prodotti di scarsa qualità per risparmiare. “La risposta è quella che stiamo dando – conclude il presidente di Coop Liguria – proporre prodotti ottimi a prezzo più contenuto”.

“Con i due progetti che presentiamo oggi – conferma il presidente di Legacoop Liguria Gianluigi Granero – proseguiamo il nostro impegno per la valorizzazione dei prodotti del territorio, soprattutto a sostegno dei pescatori liguri, in attesa di una politica comunitaria in grado di riconoscere la specificità della pesca del Mediterraneo: il Consorzio ‘Pescatori di Liguria’ rappresenta un esempio importante per dare risposte a una categoria provata da mille difficoltà. Accordi per la distribuzione del pescato e dei prodotti ortofrutticoli, come questo messo in atto con Coop Liguria, dimostrano la capacità del mondo cooperativo di fare sistema e di organizzare una filiera corta, in grado di venire incontro alle esigenze del consumatore”.

Sistemi concreti per promuovere i beni del territorio e l’economia. “I due progetti presentati oggi – sottolinea l’assessore all’Agricoltura e alla Pesca Giovanni Barbagallo – coinvolgono pescatori e agricoltori Liguri e rientrano perfettamente nella strategia di valorizzazione dei prodotti liguri promossa dalla Regione Liguria. Da una parte, come dimostrano le nuove norme regionali sulla pesca approvate dalla Giunta la scorsa settimana e ora al vaglio del Consiglio regionale per la necessaria approvazione, occorre un quadro normativo in grado di difendere la professionalità degli operatori. Dall’altra è necessaria un’azione di marketing in grado di coniugare la promozione dell’alta qualità dei prodotti con il radicamento sul territorio delle aziende. Questo è il nostro impegno come Regione Liguria per aiutare le imprese a crescere sul mercato anche in un periodo di crisi”.