Quantcast
Economia

“Da marzo a Sestri Ponente torna il rumore del lavoro”. Nuova commessa per lo stabilimento Fincantieri

Sestri Ponente manifestazione pro Fincantieri

Sestri Ponente. Seven Seas Explorer. Ha finalmente un nome la nuova commessa del cantiere navale di Sestri Ponente. Ma quel che conta di più è che i lavori per la sua costruzione hanno anche una precisa data di inizio: marzo 2014.

L’ordine arriva dall’armatore Regent Seven Seas Cruises. La Seven Seas Explorer sarà una nave da crociera extra-lusso del valore di circa 450 milioni di dollari. Con 54.000 tonnellate di stazza lorda sarà l’ammiraglia della flotta, avrà una lunghezza di 223 metri e potrà ospitare a bordo 738 passeggeri in 369 ampie suite. L’interior design sarà curato dagli studi Tillberg Design AB, Rtkl Associates and I-Crave.

“Siamo soddisfatti – commenta Bruno Manganaro, segretario Fiom-Cgil Genova -. La nuova commessa è frutto dell’accordo raggiunto solo pochi mesi fa: l’azienda si era impegnata a trovare una nuova commessa, ma all’epoca era ancora in trattativa con il committente. Ora l’ordine è ufficiale: Sestri Ponente torna a sentire il rumore del lavoro”.

Il contratto ha l’apporto di Sace per le garanzie all’export fornite al sistema bancario, in base al quale Fincantieri ha proposto un pacchetto tecnico-commerciale e finanziario soddisfacente per l’armatore.

Eppure l’orizzonte non è ancora sgombro di nubi, nonostante la nuova commessa darà lavoro fino all’estate 2016, perché, sottolinea Manganaro, “manca ancora il ribaltamento a mare”. Restano inoltre le condizioni dei lavoratori in cassa integrazione: “Purtroppo non saranno riassorbiti tutti, perché il processo di costruzione di una nave ricorda un po’ quello di una fisarmonica: ci saranno periodi in cui il ricorso alla cassa si ridurrà al minimo, altri in cui ce ne sarà ancora bisogno”.

La conferma arriva da Roma, dove le organizzazioni sindacali hanno in queste ore firmato un accordo che prevede un’altro anno, prorogabile di ulteriori 12 mesi, di ricorso alla Cig per tutti gli stabilimenti del gruppo Fincantieri, compreso naturalmente Sestri. Le nubi all’orizzonte rimangono, sullo storico cantiere oggi però splende il sole.