Quantcast
Politica

Chiusura centri manutenzione Genova Brignole e Terralba, Tullo e Quaranta contrari: “Condizioni peggiori per pendolari e turisti”

treno

Nella giornata di ieri, 16 luglio 2013, il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Erasmo D’Angelis, rispondendo all’interrogazione degli Onorevoli Tullo (Pd) e Quaranta (Sel), presentata il 19 giugno, in cui si chiedeva al Ministro dei Trasporti di conoscere le scelte di Ferrovie dello Stato rispetto alla decisione di chiudere gli impianti di manutenzione di Piazza Giusti e di Terralba, ha confermato la scelta di FS nell’ambito di un programma di razionalizzazione di trasferire nell’area Parco Doria di Savona le attività del tronco ligure.

Gli Onorevoli Mario Tullo e Stefano Quaranta, hanno appreso positivamente le rassicurazioni che al momento vengono date circa la salvaguardia dei lavoratori delle aziende appaltatrici, ma restano totalmente insoddisfatti delle scelte che porterebbero ad utilizzare l’impianto di Piazza Giusti esclusivamente per le operazioni di lavaggio, mentre tutte le attività di manutenzione verrebbero spostate a Savona.

A giudizio degli interroganti, tale scelta comporterebbe il rischio di un peggioramento delle condizioni di viaggio di migliaia di pendolari e turisti, già oggi costretti a subire ritardi e cancellazioni spesso legate alla carenza del materiale rotabile, peggioramento che si è già determinato dopo la chiusura dell’officina di manutenzione di Genova Trasta nel 2006.

Tullo e Quaranta proveranno ancora ad interloquire con la Direzione di Ferrovie dello Stato “per una decisione che non convince”.