Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Attentato incendiario al “BFly”, il proprietario: “Chi ha colpito voleva fare più danni possibili”

Più informazioni su

Loano. Il proprietario della discoteca loanese “Bfly”, bersaglio, nelle scorse ore, di un attentato incendiario, è stato svegliato all’alba di questa mattina con la notizia che il suo locale stava andando a fuoco. Una corsa per provare a salvare il salvabile, un primo tentativo di spegnere le fiamme ancor prima dell’arrivo dei vigili del fuoco, ma è stato chiaro fin da subito che il danno era ingente. Anche e soprattutto perché arriva alla vigilia di agosto, il mese clou per i locali della movida estiva, in cui si spera di fare il pienone di clienti e di incassi.

“Mi hanno chiamato presto – racconta Marco Zeffirino Belloni – Ho tentato di spegnere il rogo ma, quando sono arrivato, il danno era ormai fatto. Un danno ingente, ed è un peccato, perché stiamo lavorando benissimo e, visto che la stagione ormai si è ridotta solo ad agosto, speravamo di andare in crescendo”.

Forse l’invidia di qualcuno per affari che, qui, sembravano andare per il verso giusto potrebbe aver attirato qualche antipatia. “Non abbiamo mai ricevuto minacce – dice ancora il titolare del “BFly” – Abbiamo sempre lavorato in modo corretto e onesto: oltre ad aver lasciato qualcuno fuori dal locale perché ritenuto non idoneo, non abbiamo mai fatto nulla di particolare per attirarci antipatie. Gli attentatori hanno cosparso benzina da tutte le parti, volevano distruggere tutto: meno male che siamo arrivati in tempo, altrimenti sarebbe andata ancora peggio. Speriamo di poter riaprire la prossima settimana, lavoreremo giorno e notte per rimetterci in piedi”.