Quantcast
Politica

Altro che scricchiolii nella maggioranza, Sel difende Marco Doria e attacca il Pd sull’Imu: “Non dite la verità!”

Genova. Oggi pomeriggio abbiamo riportato i dubbi di Gianni Vassallo rispetto alla scelta della Giunta guidata da Marco Doria di accrescere il costo dell?Imu. Gli fa eco il gruppo di Sinistra e Liberta e in particolare Antonello Sotgiu, che in un comunicato afferma: “A due giorni dalla presentazione della proposta di bilancio è difficile stare zitti e far finta di niente di fronte alle esternazioni del Pd genovese, capogruppo Farello in testa.
Un Farello che si dichiara sorpreso e deluso per l’intervento sull’aumento relativo agli affitti a canone concordato o è una persona che non ha capito quanto detto e ripetuto in occasione di tre riunioni di maggioranza sul tema del bilancio o, peggio, è persona che non agisce in buona fede. Era stato spiegato, infatti, che l’aumento dell’1 per mille dell’IMU prima casa permetteva un’entrata di 27 milioni salvaguardando le detrazioni per gli affitti a canone concordato”.

Sel infatti ha appoggiato la scelta della Giunta e trova strumentale la posizione del Partito Democratico.

“Come SEL abbiamo abbracciato questa soluzione contrariamente al Pd che ha puntato (motivazione ancora da capire!!) ad un aumento dello 0,8 per mille che veniva a far mancare oltre 5 milioni di entrate necessarie a quel punto recuperabili con la riduzione, se non l’eliminazione delle agevolazioni sugli “affitti calmierati”. Ora resta da vedere se in proposito il PD genovese marcerà con Truzzi e svariati altri contro l’aumento dell’IMU, delle abolizioni delle detrazioni suddette e sulla TARES, ovviamente contro il Comune di Genova così come non si è fatto e non si fa contro i governi nazionali che obbligano i sindaci a tali antipatiche strettoie”.

L’attacco prosegue rispetto alle municipalizzate, e la possibilità che alcune di queste aziende possano essere privatizzate: “Se decidessimo la svendita di AMT, di AMIU e via elencando, le poche entrate che si realizzerebbero in tempi inutili per le previsioni di bilancio 2013 e forse per fare anche quelle del 2014, senza contare che andrebbero in conto capitale e non per le spese di parte corrente, liberando risorse indirettamente sull’abbattimento del debito quindi degli oneri passivi”.

Antonello Sotgiu – segretario provinciale Sel Genova

Più informazioni