Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terzo Valico, Biasotti: “Il Ministro Lupi mantiene le promesse fatte alla Liguria”

Genova. Proprio la seduta odierna della IX Commissione della Camera dove si è trattato il DL 43/2013: Disposizioni urgenti per il rilancio dell’area industriale di Piombino e Trasferimento di funzioni in materia di turismo e disposizioni sulla composizione del CIPE.

Come chiesto in audizione alla Camera dall’on. Biasotti e come confermato più volte dal Ministro Lupi ci sono i fondi per la Torre piloti di Genova.

“All’articolo 5 – comma quater” – afferma Biasotti – “si sono votati i 7 milioni di euro per l’emergenza di Genova a seguito dell’incidente della Torre Piloti. Arriveranno 3,5 milioni di euro nel 2014 e nel 2015 ripristinare l’efficienza e l’operatività della Sala operativa e del Centro VTS (Vessel Traffic System – sistema di controllo del traffico marittimo) della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Genova e dei mezzi navali addetti al servizio di pilotaggio portuale.”

“Subito dopo si è votato, al comma 2 dell’articolo 7-ter, lo stanziamento decennale di 120 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2015 al 2024 per il finanziamento degli investimenti relativi alla rete infrastrutturale ferroviaria nazionale con priorità agli interventi per la realizzazione il Terzo Valico dei Giovi e alla Galleria del Brennero. Tale parere favorevole votato alla discussione alla Camera che si esprimerà, con votazione, già domani”.

“Ringraziando il Ministro Lupi” – continua Biasotti – “per aver dato seguito alle sue parole esprimendo la sua volontà di non fermare i lavori ho, comunque, evidenziato alcune criticità sull’ammontare dei fondi e sugli stanziamenti temporali. Il Terzo Valico è troppo importante per subire dei rallentamenti. Per cui ho espresso alla Commissione la mia volontà di vigilare su quest’aspetto. Per questo porterò in aula alla Camera un ordine del giorno con impegnativa per il Governo a reperire i fondi che permettano all’opera di andare avanti senza fermarsi.”

“La Liguria paga, in questo momento, la debolezza delle sue istituzioni che sulle infrastrutture non hanno mai avuto posizioni nette. L’attuale Governo è un Governo di intesa tra due componenti, il PDL è pronto da tempo ha fare la sua parte, facciano altrettanto le istituzioni locali di centrosinistra prendendo posizioni decise e abbandonando i continui tentennamenti che caratterizzano le loro posizioni da più di dieci anni.”