Quantcast
Sport

Scherma, Italia vince il titolo europeo: in trionfo anche la rapallese Benedetta Durando

Benedetta Durando scherma

Zagabria. La terza giornata di gare dei Campionati Europei Assoluti Zagabria 2013 porta la quarta medaglia della spedizione azzurra in Croazia. L’Italia di fioretto femminile si conferma “Dream team” conquistando il quinto titolo europeo consecutivo. Dal 2009 si sono alternate le attrici, ma l’ItalFioretto rimane assoluta protagonista della scena europea.

A salire sul gradino più alto del podio dell’edizione 2013 sono Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e le debuttanti Carolina Erba e la rapallese Benedetta Durando. Per loro e per il Commissario tecnico, Andrea Cipressa, anch’egli all’esordio nelle vesti tecniche in una gara a squadre di una competizione internazionale Assoluti, la gioia è giunta al termine del match valido per il titolo, contro la Francia superata col netto punteggio di 45-30. In virtù di questo successo l’Italia balza in testa al medagliere potendo vantare, a metà del programma gare della competizione continentale, due medaglie d’oro ed altrettante di bronzo.

La giornata aveva visto le azzurre superare la Romania, primo scoglio di giornata, ai quarti per 45-21, e successivamente in semifinale l’Ungheria per 45-18. Squadra “nuova” per uno scenario internazionale e nuovo anche l’inno pre-match intonato, con tanto di balletto, in pedana dalle quattro azzurre. Il testo, cantato sulle note di “Fame – Saranno famosi” recita: “Siamo noi la nuova squadra, siamo l’Italia vedrai. Non è cambiato poi niente, il risultato vedrai. Tu vedrai, tu vedrai…”.

“Queste sono vere campionesse – è il commento del CT Andrea Cipressa – ed è il successo dell’intero movimento del fioretto femminile azzurro. Sono un Commissario tecnico fortunato perché posso contare su un gruppo vasto e non solo su chi poi va alle Olimpiadi. Emozioni particolari oggi? Si, lo ammetto, ma non la considero la prima medaglia, perché abbiamo già vinto ai Mondiali under20 e quella non è una competizione da sottovalutare, anzi!”.