Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rinnovabili: ad Arenzano, Masone e Lavagna i primi murales per l’energia sostenibile

Provincia. Cinque murales tematici sul risparmio energetico e sull’uso di fonti energetiche rinnovabili, realizzati in luoghi pubblici messi a disposizione da altrettanti comuni: Masone, Lavagna, Cogoleto, Mele e Arenzano. E’ l’iniziativa lanciata in occasione della Settimana dell’Unione Europea per l’Energia Sostenibile 2013 (24-28 giugno) dalla Provincia di Genova, in collaborazione con alcuni dei comuni genovesi che aderiscono al “Patto dei Sindaci” e con artisti e studenti dell’Accademia Ligustica.

I murales saranno realizzati da un gruppo di circa dieci giovani artisti dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, coordinati da Enrico Sanna, iniziando da Masone e Cogoleto, comuni che hanno già individuato i luoghi in cui realizzare le opere, per poi proseguire con gli altri tre comuni. A Masone il luogo prescelto dall’amministrazione comunale un muro della scuola media Pastorino, mentre a Lavagna il sottopasso ferroviario di piazza della
Libertà: in questi due luoghi gli artisti guidati da Sanna si metteranno al lavoro contemporaneamente, in due squadre di circa 5 persone l’una, lunedì 24 giugno, e termineranno le loro creazioni in 2 o 3 giorni.

L’iniziativa rientra all’interno del Patto dei Sindaci, l’iniziativa dell’Unione Europea che impegna gli amministratori locali aderenti a ridurre del 20% le emissioni di gas serra (CO2) del proprio territorio entro il 2020. Sono infatti molto i comuni genovesi che hanno formalmente aderito al Patto dei Sindaci, e che nell’attuazione
di provvedimenti sulla sostenibilità sono affiancati dalla Provincia di Genova, incaricata dalla Commissione Europea di aiutare i comuni in qualità di Coordinatore Territoriale del Patto dei Sindaci.

I murales hanno quindi l’obiettivo di rendere visibile l’impegno dei comuni nella lotta ai cambiamenti climatici e a favore di una transizione verso un’economia sostenibile e rispettosa dell’ambiente (la green economy).
Il mezzo scelto è la forma di comunicazione più antica ed efficace: l’arte. In questo modo ci si riappropria di uno spazio pubblico in controtendenza rispetto alla colonizzazione di messaggi di tipo commerciale con un messaggio semplice e diretto e allo stesso tempo forte.

A questa iniziativa si affiancano altri strumenti di informazione e approfondimento quali il sito della Provincia
(www.provincia.genova.it/pattosindaci), la pagina Facebook (www.facebook.com/pattodeisindacigenova).

Inoltre la Provincia distribuirà ai cittadini, anche attraverso i comuni, il depliant “Clima ed Energia Migliori per tutti”, che elenca una serie di comportamenti domestici virtuosi per ridurre i consumi energetici e di conseguenza
anche le bollette elettriche e del gas. Allegati al deplianti ci sono due mini-termometri, uno per misurare la temperatura della casa e l’altro per misurare quella del frigorifero.