Quantcast
Economia

Liguria, dalla Regione 190 mila euro per il commercio equo e solidale

equo solidale

Liguria. La giunta regionale della Liguria, su proposta dell’assessore al Commercio Renzo Guccinelli, ha approvato in mattinata un contributo di 190 mila euro a favore delle organizzazioni del commercio equo e solidale iscritte nell’ elenco regionale. Il bando finanzia sette tipologie di interventi: divulgazione e sensibilizzazione dei consumatori , progetti educativi nelle scuole, formazione per volontari e dipendenti delle organizzazioni ,presentazione di progetti per le giornate e per la fiera del commercio equo e solidale o per la gestione del portale regionale dedicato www.equoliguria.it.

A questi si aggiungono tre interventi per gli enti pubblici: inserimento di prodotti equo-solidali nella ristorazione scolastica , nei distributori automatici e negli acquisti pubblici.

La Regione Liguria, con una propria legge, è da alcuni anni impegnata in prima fila nella promozione del commercio equo e solidale. Nel 2008 la campagna Città Eque le è valsa il riconoscimento di prima “Regione equosolidale”. Nel 2010 la Regione Liguria ha partecipato al Premio europeo “European Enterprise Awards 2010 – 4° Edizione e il progetto “Equo anch’io”, è stato ritenuto dalla Giuria Nazionale il migliore tra quelli presentati nella categoria “Imprenditorialità responsabile e inclusiva”.

“Dall’approvazione della legge regionale in poi abbiamo investito in una politica di rafforzamento delle imprese equosolidali in termini di formazione degli operatori e di supporto agli investimenti strutturali, per rafforzare la rete dei negozi, le azioni di sensibilizzazione dei cittadini e degli altri operatori economici e la formazione didattica nelle scuole” ha commentato l’Assessore Renzo Guccinelli.

“In questi sette anni abbiamo finanziato progetti ed investimenti per un totale di 2, 5 milioni euro. Con grande soddisfazione possiamo affermare che oggi la Liguria, con il lavoro svolto, è un modello di riferimento per tutte le regioni italiane nel settore del commercio equo e solidale”.

 

 

Più informazioni