Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, adescavano anziani con il sesso e poi li ricattavano: in manette due donne romene

Più informazioni su

Genova. Adescavano anziani e, dopo avere consumato rapporti sessuali, li ricattavano per estorcere loro denaro. In manette sono finite due donne di origini romene, di 23 e 49 anni, accusate di estorsione continuata aggravata.

L’inchiesta, condotta dalla Guardia di finanza di Genova, è partita dopo la denuncia di un ottantenne al quale le due erano riuscite a spillare 40 mila euro. L’uomo ha raccontato di essere stato avvicinato dalla più giovane, di avere avuto un rapporto con lei a pagamento e poi di essere stato ricattato. La ragazza, infatti, aveva prima detto alla vittima di essere gravemente malata e di avere bisogno di soldi per curarsi.

Poi ha fatto credere all’anziano di essere incinta di lui, minacciandolo di andare ad abortire in Romania e di levargli anche la casa se non avesse pagato 40 mila euro. Così l’ottantenne ha ceduto al ricatto ma subito dopo è andato a denunciare la donna.

Le due, non contente, hanno continuato a chieder soldi alla vittima, minacciandolo al telefono di fargli del male. A quel punto, l’anziano è andato di nuovo in banca per prelevare altri soldi. Insospettito, il direttore della filiale ha avvisato i carabinieri. Le due sono state intercettate e gli investigatori hanno appurato che le due avevano anche parlato di dare sedativi agli anziani per derubarli in casa. Sono così scattate le manette (la più giovane è agli arresti domiciliari perché ha un bimbo piccolo). Gli inquirenti ritengono però che le due abbiano estorto altri soldi ad altre vittime.