Cronaca

Dissequestro Jolly Nero, rimossi i sigilli: potrebbe riprendere il mare tra un paio di giorni

jolly nero

Genova. La rimozione dei sigilli alla Jolly Nero, dopo la notifica del provvedimento di dissequestro della Procura alla Capitaneria di porto, sono stati rimossi e la nave è ora a disposizione degli armatori.

Il cargo, che al momento si trova nella zona dei cantieri Mariotti, potrebbe riprendere il mare nel giro di due-tre giorni dopo una serie di procedure. A questo proposito si è appreso che è già stato acquistato il nuovo Vdr, la ”scatola nera” in sostituzione di quella sequestrata il cui contenuto (dati e voci) è all’esame dei periti della polizia postale. Inoltre sarebbero già stati presi contatti con il Rina che, dopo ogni evento straordinario, per legge, deve effettuare una visita sulla nave e rilasciare specifici certificati.

Sulla Jolly Nero, insieme all’equipaggio, prenderà posizione il nuovo comandante in sostituzione del comandante Roberto Paoloni  che è indagato con l’ipotesi di omicidio colposo plurimo insieme al pilota Antonio Anfossi.
Il dissequestro è stato notificato dalla Procura dopo gli ulteriori accertamenti compiuti dai periti della Procura i quali
hanno comunicato al procuratore capo Michele Di Lecce e al sostituto procuratore Walter Cotugno, che non erano necessarie
altre verifiche. Ora i due ammiragli della Marina Militare che avevano preso 60 giorni di tempo, tra poco più di un mese
dovrebbero depositare la loro relazione sullo stato della nave.

Sulla Jolly Nero si trovano circa 2.000 container che, si presuppone, rimarranno a bordo per intraprendere il viaggio e
raggiungere le destinazioni che erano all’origine della tragedia. Non è da escludere che qualche proprietario (in tutto
sono un centinaio) potrebbe anche far scaricare la merce per questioni tecniche.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.