Quantcast
Cronaca

Disagio minorile, “Vela e mare solidali” per l’integrazione

Genova. “Vela e mare solidali” è un progetto teso a favorire, attraverso attività di carattere marinaresco, l’integrazione dei minori in situazioni di disagio che afferiscono agli Ambiti Territoriali Sociali del Comune.

Il progetto scaturisce dal protocollo d’intesa che a tale riguardo viene firmato dai Municipi Centro Est, Medio Ponente, Ponente, Medio Levante e Levante del Comune di Genova con le associazioni marinare Centro Velico Interforze di Genova Pra’, Lega Navale Italiana di Sestri Ponente, Lega Navale Italiana di Genova Centro, Circolo Nautico Mandraccio, Circolo Nautico Ilva, Associazione Non solo vela Onlus, Associazione Matti per la vela, Associazione I Tetragonauti Onlus.

In base al protocollo, che avrà una durata triennale con possibilità di rinnovo, le associazioni promuoveranno, attraverso i loro associati, percorsi educativi di avvicinamento al mare e alle attività connesse (vela, canottaggio, pesca, ecc.) anche mettendo a disposizione spazi a terra per sviluppare parallelamente momenti di socializzazione, incontro e festa.

Dal canto loro, i Municipi, attraverso gli Ambiti Territoriali Sociali del Comune individueranno i giovani minorenni che parteciperanno alle attività.

Per ottimizzare la collaborazione fra le parti sarà costituito un Comitato tecnico di coordinamento, rappresentativo dei Municipi e delle Associazioni.

La partecipazione al protocollo non comporta oneri di spesa per gli aderenti, che potranno, per le attività in ogni Municipio richiedere sostegni, contributi e sponsorizzazioni a enti, fondazioni e aziende private. I Municipi potranno contribuire a sostenere azioni progettuali specifiche concordate e condivise nell’ambito del protocollo d’intesa, tenendo conto delle risorse tecniche e finanziarie disponibili.

Di questo protocollo d’intesa si è fatto promotore il Municipio Medio Levante che, a partire dal 2007, ha già sostenuto diverse proposte sociali del Comune, legate al mare e alle attività ad esso collegate.

“Si tratta di un’ottima iniziativa – dice il presidente del Municipio Medio Levante Alessandro Morgante – anche perché finalizzata a ridurre le disuguaglianze sociali e di salute e le disparità di accesso ad un’attività fisica che, in una città dalla spiccata vocazione e dalla ricca storia marinara come Genova, dovrebbe essere valorizzata e resa accessibile a tutti.”