Quantcast

Decreto emergenze, approvato Odg a favore Terzo Valico. Biasotti: “Tenere alta l’attenzione”

Si è affrontata oggi, in aula alla camera, la prima votazione di fiducia del Governo Letta. L’argomento era la conversione in legge del decreto emergenze che conteneva misure di emergenza pro-terremotati ed alcuni aspetti importanti per la Liguria come i 7 milioni di Euro per la Torre Piloti di Genova. La fiducia si è resa necessaria a causa dell’atteggiamento del Gruppo 5 Stelle nei confronti di questo importante provvedimento.

All’articolo 7 ter – come già visto in Commissione Trasporti – ritornano i 120 milioni di euro per 10 anni da destinare prioritariamente al Terzo Valico.

Così come già annunciato in Commissione l’on. Biasotti chiede al Governo un maggiore impegno su quest’opera basilare per il futuro della Liguria. Propone un ordine del giorno, appena approvato dal Governo, in cui richiede, tra le altre cose, di modulare un piano finanziario che garantisca che i lavori su quest’opera, di grande importanza per l’economia ligure, non subiscano ulteriori arresti o ritardi;  e di prevedere l’adozione di misure urgenti di rifinanziamento, qualora le risorse si dimostrino insufficienti per la prosecuzione dei lavori.

“Sono soddisfatto della posizione presa dal Governo” –  afferma Sandro Biasotti – “ che dimostra di tenere allo sviluppo del paese e della Liguria, fatto che mi è stato confermato dal Ministro Lupi che ho incontrato proprio ieri sera. Il mio livello di attenzione, comunque, continua ad essere alto e prevedo di potare avanti altre iniziative a sostegno del Terzo Valico.”

“Mi auguro che venga fatto altrettanto dalle altre forze politiche.” – continua Biasotti – “Non posso non notare che oltre ai 5 Stelle anche i deputati del SEL  hanno presentato una serie di emendamenti con l’obiettivo di cancellare il Terzo Valico. SEL  siede sia nella Giunta Burlando che nella Giunta Doria. Per cui è necessaria una presa di posizione netta da parte delle istituzioni Liguri a favore del Terzo Valico. Nel raffronto avuto in questi giorni mi sono state sollevate alcune criticità sulla prontezza delle istituzioni liguri nell’intraprendere i provvedimenti necessari all’avanzamento dell’opera. A questo punto” – conclude Biasotti – “invece di alzare i toni credo sia necessario che ognuno faccia la sua parte anche perché quando si parla di Terzo Valico non si parla di consenso politico ma si parla del futuro della Liguria.”