Quantcast
Cronaca

Da Palazzo Reale all’Archivio di Stato, la cultura alla deriva: siti liguri in crisi tra tagli ed esuberi

dipendenti beni culturali

Genova. Un’assemblea pubblica delle lavoratrici e dei lavoratori del Mibac (Ministero per i beni e le attività culturali che in Liguria conta circa 400 persone) per manifestare il disagio verso la grave crisi che sta attraversando il settore in Italia. Si è svolta questa mattina a Genova, dalle 11,30 alle 13,30 presso il cortile di Palazzo Reale, indetta da FP CGIL, CISL FP, UIL PA, CONFSAL, UNSA, UGL, INTESA con volantinaggio informativo in via Balbi.

Al centro della discussione la riorganizzazione di un settore “alla deriva” e oggetto di tagli che hanno prodotto ripercussioni anche sulla dotazione organica. Nell’ambito dell’iniziativa sono state illustrate le criticità locali legate alla Biblioteca Universitaria, al Laboratorio di restauro integrato di Palazzo Reale, all’Archivio di Stato di Genova e ai siti museali statali della Liguria.

Inoltre le mancate progressioni economiche, il blocco del pagamento del salario accessorio e i buoni pasto non ancora corrisposti ai lavoratori sono causa di grande disagio.

La mancata registrazione, da parte degli organi di controllo, dell’accordo sull’elevazione del grado di copertura dei festivi dal 30% al 50% mette a serio repentaglio la fruizione dei luoghi della cultura proprio nei momenti di maggiore richiesta.

“I siti museali statali – denunciano sindacati e RSU – da Luni ai Balzi Rossi, passando per Palazzo Reale, Galleria Nazionale di Palazzo Spinola presentano situazioni di estrema criticità, sia per la manutenzione ordinaria, ormai ridotta al lumicino, che per la atavica carenza di organico: e beffa delle beffe la Funzione Pubblica dichiara per il Ministero 272 esuberi.

Come se non bastasse dobbiamo agire in un quadro di delegittimazione del contratto integrativo che impedisce di fatto l’esercizio della rappresentanza negoziale ai vari livelli di confronto previsti dal vigente sistema delle relazioni sindacali”.