Quantcast
Economia

Baglietto di Cogoleto, Sel presenta odg a difesa dei lavoratori: “Il Pd non firma, attengiamento incomprensibile”

quaini - idv

Cogoleto. Presentato quest’oggi in aula un ordine del giorno, primo firmatario Stefano Quaini (SEL), sulla situazione lavorativa dei dipendenti della RSA Baglietto di Cogoleto.

“L’Odg – spiega il primo firmatario Stefano Quaini (SEL) – verrà discusso in Assemblea nelle prossime sedute perché il Gruppo del Partito Democratico, non ha apposto la propria firma al documento. Attualmente la struttura presenta un organico di 22 unità a cui si devono aggiungere un medico ed un fisioterapista. Dal punto di vista contrattuale, quattro operatori socio sanitari e due amministrativi sono assunti con contratto Enti Locali direttamente dalla Fondazione Baglietto, mentre il restante personale dipende da una cooperativa che gestisce i servizi. In base ad una recente politica della Asl è stato stabilito un ridimensionamento del 5% dello stanziamento per l’anno 2012 – 2013″.

L’entità dei tagli, circa 22000 euro, secondo Sel, non giustifica il licenziamento dei lavoratori direttamente assunti della Fondazione, seppur con la promessa di una riassunzione dalla cooperativa cui verrà appaltata la gestione della struttura.

“Al di là delle poche certezze garantite, anche nell’ipotesi di un riassorbimento, per questi lavoratori vi sarebbe comunque un peggioramento delle condizioni contrattuali, ingiustificato e a nostro parere pretestuoso. Abbiamo pertanto chiesto al Presidente e all’assessore competente di intervenire affinché resti invariato l’attuale organico, mantenendo in essere i contratti esistenti. Questo, a tutela dei lavoratori e per rimarcare il principio che laddove occorra una riorganizzazione a farne le spese non siano sempre i soliti”.